Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15672 del 15/07/2011

Cassazione civile sez. III, 15/07/2011, (ud. 27/05/2011, dep. 15/07/2011), n.15672

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto – Presidente –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. ARMANO Uliana – rel. Consigliere –

Dott. CARLUCCIO Giuseppa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 6624/2009 proposto da:

CENTRO LARIO INFORMATICA DI MAURIZIO MERONI & C SAS (OMISSIS), in

persona del legale rappresentante pro tempore Signor M.

M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA VERBANO 22,

presso lo studio dell’avvocato RIZZELLI GIUNIO, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato DEL CURTO FRANCO giusta delega a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MED COMPUTER DI MARCO ROSSI (OMISSIS), impresa individuale in

persona del titolare sig. R.M., elettivamente domiciliata in

ROMA, LUNG.RE MICHELANGELO 9, presso lo studio dell’avvocato BIAMONTI

Pier Luigi, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

PALMISANO GABRIELLA giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2452/2008 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

Sezione Terza Civile, emessa il 27/05/2008, depositata il 16/09/2008;

R.G.N. 2511/2006.

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

27/05/2011 dal Consigliere Dott. ULIANA ARMANO;

udito l’Avvocato RIZZELLI GIUNIO;

udito l’Avvocato BIAMONTI PIER LUIGI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VELARDI Maurizio, che ha concluso per l’inammissibilità.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La impresa individuale Med Computer di Marco Rossi ha proposto opposizione al decreto ingiuntivo per l’importo di L. 12.380.520 emesso dal Tribunale di Como su ricorso della Centro Lario Informatica di Maurizio Meroni & C s.a.s per il pagamento della fornitura di cinque registratori di cassa dotati di un software idoneo a creare una rete di informatizzazione per la registrazione di vendite al consumo.

Il Tribunale ha accolto in parte l’opposizione detraendo dall’importo ingiunto la somma di L. 2.028.000 già pagata dalla Med Computer e dichiarando la risoluzione per inadempimento del contratto tra la Centro Lario Informatica e la Eurosoft, società che aveva fornito il software risultato non idoneo per il funzionamento dei registratori di cassa.

A seguito di appello proposto dalla Med Computer, la Corte di Appello di Milano, con sentenza del 27-5-2008, ha dichiarato la risoluzione del contratto di fornitura per inadempimento della Centro Lario Informatica sul rilievo che il software fornito alla Med aveva vizi di funzionamento tali che non permettevano l’utilizzo dei registratori di cassa;ha condannato Centro Lario Informatica al risarcimento di Euro 31.986,14 in favore di Med Computer.

Avverso detta sentenza propone ricorso per cassazione la Centro Lario Informatica di Maurizio Meroni & C, S.a.s. con un unico motivo. Si difende con controricorso la Med Computer di Marco Rossi.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con l’unico motivo il ricorrente denunzia violazione o falsa applicazione degli artt. 169 e 190 c.p.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3.

Sostiene che, avendo la Med Computer depositato il fascicolo di parte con la documentazione in esso contenuta oltre il termine fissato per il deposito della comparsa conclusionale, la decisione avrebbe dovuto essere assunta senza che la Corte tenesse conto dei documenti ivi prodotti, in relazione alla implicita volontà dell’interessato di non volersene avvalere.

1. Il motivo è infondato.

Il termine fissato dall’art. 169 c.p.c., comma 2, è termine non perentorio dalla cui inadempienza non conseguono preclusioni all’esame dei documenti ivi inseriti.

Questa Corte ha chiarito che qualora il fascicolo dell’appellante, regolarmente presentato e poi ritirato, non venga restituito entro il termine prescritto (art. 169 cod. proc. civ. e art. 111 disp. att. cod. proc. civ., il giudice di appello deve decidere sul gravame in base agli atti legittimamente a sua disposizione, fra i quali sono da includersi quelli contenuti nel fascicolo dell’appellante, tardivamente restituito, se la controparte non sollevi al riguardo alcuna eccezione ed il giudice ritenga di autorizzare il deposito tardivo (conf. tra le altre, le sentenze nn. 1034-86, 1847-85, 5339- 84, 2552-83, conf. 3676-82, 6484 -1990 Comunque la doglianza è inammissibile in quanto era onere del ricorrente indicare quali documenti contenuti nel fascicolo di parte della Med Computer la Corte aveva posto a base della sua decisione e quale pregiudizio la presunta violazione di legge aveva arrecato all’esercizio dei suoi diritti.

Il ricorso deve essere rigettato. Le spese del giudizio di cassazione seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione liquidate in Euro 3.200,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori come per legge.

Così deciso in Roma, il 27 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 15 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA