Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1566 del 19/01/2022

Cassazione civile sez. I, 19/01/2022, (ud. 24/09/2021, dep. 19/01/2022), n.1566

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ACIERNO Maria – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – rel. Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17321/2019 proposto da:

K.E., elettivamente domiciliato in Roma, presso la Corte

di Cassazione, difeso dall’avvocato Verlato Davide, per procura in

atti;

– ricorrente –

contro

Ministero Dell’interno, (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di CATANZARO, depositata il

05/11/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

24/09/2021 da Dott. DI MARZIO MAURO.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che:

1. – K.E., cittadino nigeriano, ricorre per due mezzi, nei confronti del Ministero dell’Interno, contro il decreto del 5 novembre 2018, con cui il Tribunale di Catanzaro ha respinto la sua domanda di protezione internazionale o umanitaria.

2. – Non spiega difese l’amministrazione intimata, nessun rilievo potendosi riconoscere ad un atto di costituzione depositato per i fini dell’eventuale partecipazione all’udienza di discussione.

considerato che:

3. – Il primo mezzo denuncia violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, commi 2 e 3 e del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, comma 3, censurando il decreto impugnato per aver omesso di fare corretta applicazione dei principi di cooperazione istruttoria desumibili dalla menzionata normativa.

Il secondo mezzo denuncia omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio nonché violazione degli artt. 115 e 116 c.p.c., e del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, in riferimento al D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), ed al D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32, comma 3, censurando il decreto impugnato per aver negato la sussistenza dei presupposti per il riconoscimento della protezione internazionale o umanitaria richiesta.

ritenuto che:

4. – Il ricorso è inammissibile.

Il ricorrente muove dalla premessa di aver tardivamente proposto l’impugnazione per cassazione, assumendo che “per problemi di comunicazione con il difensore costituito in primo grado del foro di Crotone essendosi nel frattempo il ricorrente trasferito in altra località per cercare lavoro egli non poteva essere informato immediatamente dell’avvenuto deposito del decreto in oggetto e del relativo breve termine di legge per proporre ricorso in cassazione”: pur senza richiamare l’art. 153 c.p.c., egli sollecita dunque, implicitamente ma inequivocamente, l’adozione di un provvedimento di rimessione in termini.

Rimessione in termini che però va recisamente negata, evidente essendo che l’occorso è da ascrivere a negligenza dello stesso interessato, trasferitosi senza informare il proprio difensore: ed in ogni caso, come pure si versasse in ipotesi di negligenza del difensore, comunque non ricorrerebbero i presupposti per l’accoglimento dell’istanza (p. es. da ult. Cass. 10 febbraio 2021, n. 3340).

L’inammissibilità discende perciò dalla riconosciuta tardività del ricorso.

5. – Nulla per le spese. Sussistono i presupposti processuali per il raddoppio del contributo unificato dovuto.

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso; ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dichiara che sussistono i presupposti per il versamento, a carico della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 24 settembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 19 gennaio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA