Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1565 del 26/01/2010

Cassazione civile sez. II, 26/01/2010, (ud. 22/12/2009, dep. 26/01/2010), n.1565

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHETTINO Olindo – Presidente –

Dott. ODDO Massimo – Consigliere –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – rel. Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 2696/2005 proposto da:

CONSOB, in persona del Presidente pro tempore C.L.,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE CARSO 71, presso lo studio

dell’avvocato ARIETA GIOVANNI, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

S.F.M. (OMISSIS), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA G.G. BELLI 27, presso lo studio

dell’avvocato GENTILE GIAN MICHELE, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

MINISTERO ECONOMIA FINANZE;

– intimato –

avverso il decreto R.G. 50283/04 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 27/10/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/12/2009 dal Consigliere Dott. BURSESE Gaetano Antonio;

udito l’Avvocato ARIETA Giovanni, difensore del ricorrente che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GOLIA Aurelio che ha concluso per il rigetto del ricorso.

La Corte:

Fatto

OSSERVA

Rilevato che il presidente dott. Schettino faceva parte del collegio che in data 25.2.2009 si è pronunciato con sentenza n. 9315/2009 sul ricorso proposto, contro lo stesso decreto della Corte d’Appello di Roma (RGUS 50283, depos. in data 27.10.2004), dal Ministero Economia e Finanze; che pertanto occorre rinviare la causa a nuovo ruolo.

P.Q.M.

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 22 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 26 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA