Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15601 del 22/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 22/06/2017, (ud. 06/06/2017, dep.22/06/2017),  n. 15601

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – rel. Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16606-2016 proposto da:

METRO ITALIA CASH AND CARRY S.P.A. – C.F e P.I. (OMISSIS), in persona

del Consigliere di Amministrazione, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA F. CORRIDONI 23, presso lo studio dell’avvocato ANDREA

CELEBRANO, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati

STEFANINO BERETTA, SALVATORE TRIFIRO’, GIULIO CELEBRANO e MARINA

ESTER OLGIATI;

– ricorrente –

contro

A.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A. BAIAMONTI,

10, presso lo studio dell’avvocato LUCA SEMPRONI, che lo rappresenta

e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 505/2016 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 12/05/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 06/06/2017 dal Consigliere Dott. PIETRO CURZIO.

Fatto

RILEVATO

che:

Metro Italia Cash and carry spa ha proposto ricorso per cassazione nei confronti della sentenza della C.A. dell’Aquila pubblicata il 12 maggio 2016;

l’intimato ha svolto attività difensiva depositando controricorso; in data 24 ottobre 2016 le parti hanno sottoscritto un verbale di conciliazione dinanzi al giudice del lavoro del Tribunale di Chieti; il verbale è stato depositato in cancelleria, in allegato ad istanza dei difensori con la quale è stata chiesta la declaratoria di cessazione della materia del contendere;

il collegio ha disposto che il provvedimento sia a motivazione semplificata.

PQM

 

Dichiara la cessazione della materia del contendere, con compensazione delle spese.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 6 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 22 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA