Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15494 del 22/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 22/06/2017, (ud. 08/03/2017, dep.22/06/2017),  n. 15494

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 12586-2012 proposto da:

COOP ESTENSE S.C., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

A. DEPRETIS 86, presso lo studio dell’avvocato PIETRO CAVASOLA, che

la rappresenta e difende unitamente all’avvocato GIGLIOLA IOTTI,

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, C.F. (OMISSIS), in

persona del Presidente e legale rappresentante pro tempore, in

proprio e quale mandatario della S.C.C.I. CARTOLARIZZAZIONE CREDITI

INPS S.P.A. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale dell’istituto,

rappresentato e difeso dagli Avvocati CARLA D’ALOISIO, LELIO

MARITATO, ANTONINO SGROI, giusta delega in atti;

– controricorrente –

e contro

EQUITALIA CENTRO SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1247/2011 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 27/05/2011 R.G.N. 1488/2009.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che, con sentenza depositata il 27.5.2011, la Corte d’appello di Lecce, in riforma della statuizione di primo grado, ha rigettato l’opposizione proposta da Coop. Estense s.c. avverso la cartella esattoriale con cui le era stato ingiunto di pagare all’INPS somme per sgravi indebitamente fruiti in relazione a contratti di formazione e lavoro stipulati con propri dipendenti;

che avverso tale pronuncia ha interposto ricorso per cassazione Coop. Estense s.c., deducendo tre motivi di censura;

che l’INPS, anche quale mandatario di S.C.C.I. s.p.a., ha resistito con controricorso, mentre Equitalia Centro s.p.a., concessionaria dei servizi di riscossione, è rimasta intimata;

che il Pubblico ministero ha concluso per il rigetto del ricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, con il primo motivo, la società ricorrente ha dedotto omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa la possibilità di fruire degli sgravi nei limiti del c.d. de minimis, per non avere la Corte di merito considerato che l’importo complessivo della pretesa creditoria dell’Istituto (rideterminata da quest’ultimo in Euro 120.426,00), essendo calcolato sul sessennio 1.11.1995-30.10.2001, rendeva ipso facto applicabile la disciplina di favore;

che, con il secondo motivo, la società ricorrente ha lamentato violazione e falsa applicazione della L. n. 335 del 1995, art. 3, comma 9, e art. 2935 c.c., per avere la Corte territoriale ritenuto che la lettera raccomandata inviata in data 5.10.2005 avesse validamente interrotto la prescrizione e avere comunque affermato che l’obbligo di recupero degli aiuti di Stato non fosse soggetto a prescrizione estintiva secondo le norme interne; che, con il terzo motivo, la società ricorrente ha denunciato violazione dell’art. 2697 c.c. nonchè vizio di motivazione, per avere la Corte di merito ritenuto che l’onere della prova della sussistenza dei requisiti per fruire legittimamente degli aiuti di Stato gravasse sull’azienda che ne invoca l’applicazione e che, nel caso di specie, esso non fosse stato assolto;

che, con riguardo al primo motivo, questa Corte di legittimità ha già avuto modo di chiarire che la regola c.d. de minimis costituisce un’eccezione alla generale disciplina relativa agli aiuti di Stato, stabilendo una soglia di aiuto al di sotto della quale la disciplina restrittiva degli aiuti di Stato contenuta nel Trattato CE deve considerarsi inapplicabile, e ha chiarito non soltanto che la sussistenza delle specifiche condizioni concretizzanti l’applicabilità della regola de minimis costituisce elemento costitutivo del diritto a beneficiare dello sgravio contributivo, che come tale deve essere provato dal soggetto che lo invoca (Cass. n. 6756 del 2012), ma soprattutto che per la sussistenza di tali condizioni non basta che l’importo chiesto in recupero ed oggetto del singolo procedimento sia inferiore alla soglia fissata dalla decisione della Commissione Europea dell’11.5.1999, dovendo invece la relativa prova riguardare l’ammontare massimo totale dell’aiuto rientrante nella categoria de minimis su un periodo di tre anni a decorrere dal momento del primo aiuto de minimis, comprendendovi qualsiasi aiuto pubblico accordato sotto qualsiasi forma (cfr. tra le più recenti Cass. n. 6780 del 2013), e fermo restando che, in caso di superamento della soglia, riacquista vigore in pieno la disciplina del divieto che involge l’intera somma, la quale deve essere recuperata per l’intero e non solo per la parte che eccede la soglia di tolleranza, a prescindere dalla circostanza che l’aiuto sia stato erogato in epoca precedente al Regolamento (CE) n. 69/2001 (Cass. n. 11228 del 2011); che, con riguardo al secondo motivo, va ribadito che, agli effetti del recupero degli sgravi contributivi integranti aiuti di Stato incompatibili col mercato comune, vale il termine ordinario di prescrizione decennale di cui all’art. 2946 c.c., decorrente dalla notifica alla Repubblica Italiana della decisione comunitaria di recupero, mentre non possono ritenersi applicabili nè il termine di prescrizione dell’azione di ripetizione ex art. 2033 c.c., atteso che lo sgravio contributivo opera come riduzione dell’entità dell’obbligazione contributiva e l’ente previdenziale, che agisce per il pagamento degli importi corrispondenti agli sgravi illegittimamente goduti, non può conseguentemente definirsi attore in ripetizione di indebito oggettivo, nè il termine di prescrizione quinquennale L. n. 335 del 1995, ex art. 3, commi 9 e 10, dal momento che, riguardando tale disposizione le sole contribuzioni di previdenza e assistenza sociale e potendo invece l’incompatibilità comunitaria riguardare qualsiasi tipo di aiuto, non è possibile assimilare l’azione di recupero dello sgravio da aiuto di Stato illegittimo e l’azione di pagamento di contributi non versati e applicare analogicamente alla prima il termine di prescrizione proprio della seconda (cfr. in termini Cass. nn. 6671 e 6756 del 2012), di talchè – corretta negli anzidetti termini la motivazione della sentenza impugnata – deve senz’altro ritenersi che la lettera raccomandata che la Corte territoriale ha accertato essere stata inviata dall’INPS in data 5.10.2005 fosse idonea a interrompere la prescrizione degli aiuti di Stato indebitamente fruiti dall’odierna ricorrente nel periodo in contestazione (1.11.1995-31.5.2001: cfr. pag. 2 della sentenza impugnata);

che, con riguardo al terzo motivo, pur dovendosi dare continuità al principio di diritto secondo cui nelle controversie relative al recupero dei contributi non corrisposti per indebita fruizione di sgravi contributivi costituenti aiuti di Stato compete al datore di lavoro dimostrare la sussistenza delle condizioni, stabilite dalla Commissione o da quest’ultima presupposte siccome già fissate dalla normativa nazionale, per poter legittimamente usufruire degli sgravi (Cass. n. 6671 del 2012), non può non rilevarsi come nella sentenza impugnata nulla si dica circa la (in)ammissibilità e/o (in)conducenza dei mezzi istruttori trascritti a pagg. 23-24 del ricorso per cassazione, mercè i quali la ricorrente aveva chiesto anche in appello di essere ammessa a provare la sussistenza dei requisiti per accedere alla speciale disciplina dettata dalla regola de minimis;

che, pertanto, in parziale accoglimento del terzo motivo, la sentenza impugnata va cassata per quanto di ragione e la causa va rinviata per nuovo esame alla Corte d’appello di Lecce, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

PQM

 

La Corte accoglie per quanto di ragione il terzo motivo di ricorso, rigettati i primi due. Cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia la causa alla Corte d’appello di Lecce, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 8 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 22 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA