Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15489 del 21/07/2020

Cassazione civile sez. II, 21/07/2020, (ud. 26/02/2020, dep. 21/07/2020), n.15489

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GORJAN Sergio – Presidente –

Dott. BELLINI Ubaldo – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. VARRONE Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 5667/2016 R.G., proposto da:

R.L., rappresentato e difeso dall’avv. Umberto D’autilia,

elettivamente domiciliato in Roma, Via della Giulina 32, presso

l’avv. Enrico Liberati.

– ricorrente –

contro

D.C., rappresentata e difesa dall’avv. Massimo Congedo,

elettivamente domiciliata in Roma, alla Via Cosseria n. 2, presso

Alfredo Placidi.

– controricorrente –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Lecce n. 1034/2015,

depositata in data 21.12.2015.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 26.2.2020 dal

Consigliere Dott. Giuseppe Fortunato.

Fatto

RITENUTO

che:

– debba essere sottoposto alle parti la questione dell’eventuale efficacia preclusiva del giudicato di cui alla sentenza di cassazione n. 11262/2003, in relazione ai principi stabiliti da questa Corte con le pronunce nn. 1682/1991, 6627/1998; 22316/2013;

– che la causa debba essere tratta in pubblica udienza, con facoltà delle parti svolgere, sul punto, le proprie difese, con le memorie ex art. 378 c.p.c..

P.Q.M.

rimette alla pubblica udienza per consentire alle parti di formulare le proprie osservazioni, nelle memorie ex art. 378 c.p.c., in merito alle questioni oggetto della presente ordinanza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 26 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 21 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA