Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15455 del 21/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 21/06/2017, (ud. 15/03/2017, dep.21/06/2017),  n. 15455

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21311/2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

P.D.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 916/34/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE DI PALERMO – SEZIONE DISTACCATA DI CATANIA, depositata il

09/03/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 15/03/2017 dal Consigliere Dott. PAOLA VELLA.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

1. si verte in tema di diniego di definizione agevolata L. n. 296 del 2006, ex art. 1, comma 1011, mediante pagamento rateale;

2. il Collegio ha disposto l’adozione di motivazione in forma semplificata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

3. il ricorso è inammissibile, poichè dall’esame cartolare degli atti di causa esso risulta inviato per la notifica a mezzo posta in data 02/09/2015, ma privo dell’avviso di ricevimento, senza che l’amministrazione ricorrente abbia fornito la prova – nonostante l’apposita segnalazione contenuta nella proposta del relatore – dell’avvenuto perfezionamento della notifica (v. Cass. SU n. 627/08);

4. ai fini della dimostrazione dell’avvenuta notifica del ricorso per cassazione a mezzo del servizio postale, infatti, il ricorrente ha l’onere di produrre entro l’udienza di discussione – a pena di inammissibilità del ricorso – l’avviso di ricevimento del piego raccomandato contenente la copia del ricorso medesimo, ovvero l’avviso di ricevimento della raccomandata con cui l’ufficiale giudiziario dà notizia al destinatario dell’avvenuto compimento delle formalità di cui all’art. 140 c.p.c. (ex Cass. sez. 6-5, nn. 25525/16 e 25285/14);

5. la mancata costituzione dell’intimato esclude la necessità della pronuncia sulle spese, le quali restano a carico del ricorrente che le ha anticipate;

6. peraltro, trattandosi di parte ammessa alla prenotazione a debito del contributo unificato, in quanto amministrazione pubblica difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, non si applica il D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater (Cass. SU n. 9338/14; conf. Cass. sez. 6-4, n. 1778/16 e Cass. 6-5, n. 18893/16).

PQM

 

Dichiara inammissibile il ricorso.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 15 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 21 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA