Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15425 del 13/07/2011

Cassazione civile sez. VI, 13/07/2011, (ud. 26/05/2011, dep. 13/07/2011), n.15425

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato President – –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. PICCININNI Carlo – Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

V.G., Avvocato ricorrente in proprio, con domicilio

eletto in Roma, via Gian Giacomo Porro n. 18, presso il proprio

studio;

– ricorrente –

contro

S.I.A. SOCIETA’ IMMOBILIARE ARICCZA S.r.l., fallita;

– intimata –

per la cassazione del decreto del Tribunale di Roma depositato il 29

dicembre 2009.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

giorno 26 maggio 2011 dal Consigliere relatore Dott. Vittorio

Zanichelli.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’Avv. V.G., curatore del fallimento della S.I.A. Società Immobiliare Ariccia s.r.l., dichiarato con sentenza del 10.6.1998, ricorre per cassazione nei confronti del decreto in epigrafe con il quale il Tribunale, all’esito dell’approvazione del rendiconto, ha liquidato definitivamente il suo compenso.

La curatela, rappresentata da un curatore speciale, non ha proposto difese.

La causa è stata assegnata alla camera di consiglio in esito al deposito della relazione redatta dal Consigliere Dott. Vittorio Zanichelli con la quale sono stati ravvisati i presupposti di cui all’art. 375 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il primo motivo di ricorso con cui si deduce violazione dell’art. 39, L. Fall. e del D.M. n. 570 del 1992, artt. 1 e 4 per avere il Tribunale liquidato il compenso in complessivi Euro 108.240,56 (di cui Euro 76.000 sull’attivo e Euro 32.240,56 sul passivo) e quindi in misura pari agli acconti già concessi è manifestamente fondato, dal momento che il compenso liquidato è inferiore al minimo previsto dal citato D.M. che è di Euro 132.299,81.

La fondatezza del primo motivo comporta l’assorbimento de secondo con cui si deduce il difetto di motivazione.

Il ricorso deve essere accolto e la causa rinviata, anche per le spese, al Tribunale di Roma in diversa composizione.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso, cassa il decreto impugnato e rinvia la causa, anche per le spese, al Tribunale di Roma in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 26 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 13 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA