Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15420 del 28/06/2010

Cassazione civile sez. I, 28/06/2010, (ud. 08/10/2009, dep. 28/06/2010), n.15420

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. SALME’ Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. FITTIPALDI Onofrio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

D.N.M.W.A., elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA RICCARDO GRAZIOLI LANTE 5, presso lo studio dell’avvocato

ROSSODIVITA GIUSEPPE, rappresentato e difeso dall’avvocato FARINA

TOMMASO, giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI PALERMO, in persona

del Prefetto in carica, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza n. cron. 1104 del TRIBUNALE di PALERMO del

15/02/08, depositata il 18/02/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio

dell’08/10/2009 dal Consigliere e Relatore Dott. GIUSEPPE SALME’;

è presente il P.G. in persona del Dott. PIERFELICE PRATIS.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

Che il tribunale di Palermo, con decreto in data 18 febbraio 2008, ha rigettato l’opposizione proposta dal cittadino extracomunitario D. N.M.W.A. avverso il provvedimento di espulsione emesso dal prefetto di Palermo in data 11 gennaio 2008;

che per la cassazione di detto decreto ricorre il D.N. M., con atto notificato il 2 aprile 2008, sulla base di un motivo, al quale resiste con controricorso, la Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo di Palermo.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

Che il ricorso è manifestamente infondato, perchè il tribunale si è attenuto al principio – costante nella giurisprudenza di questa Corte (n. 2236/2004; n. 10568/2004) – secondo cui, in tema di disciplina dell’immigrazione, la causa di forza maggiore che, ai sensi del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, art. 13, comma 2, lett. b), giustifica il ritardo, rispetto al prescritto termine perentorio, nella richiesta del permesso di soggiorno sussiste quando l’atto dovuto non venga compiuto dallo straniero a causa di una forza esterna al suo volere che abbia irresistibilmente influito sulla sua possibilità di agire, escludendola totalmente, il che non è ravvisabile nello stato di detenzione di per sè solo, perchè questo, pur limitando il detenuto nelle sue possibilità di movimento, non esclude che egli possa, tramite la direzione dell’istituto di pena, inviare alle competenti autorità istanze e richieste;

che le spese seguono la soccombenza.

PQM

La corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese con Euro 900,00 oltre alle spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della struttura centralizzata per l’esame dei ricorsi civili, il 8 ottobre 2009.

Depositato in Cancelleria il 28 giugno 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA