Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15418 del 21/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 21/06/2017, (ud. 30/03/2017, dep.21/06/2017),  n. 15418

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ARMANO Uliana – Presidente –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – rel. Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9925/2016 proposto da:

CONDOMINIO DI (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CRESCENZIO 25,

presso lo studio dell’avvocato PIERO NODARO, rappresentato e difeso

dall’avvocato FRANCESCO GRILLO;

– ricorrente –

contro

ACQUEDOTTO PUGLIESE SPA, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, CIRCONVALLAZIONE CLODLA

80, presso lo studio dell’avvocato ARMA STUDIO LEGALE, rappresentato

e difeso dall’avvocato MICHELE DI DONNA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 676/2015 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 04/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 30/03/2017 dal Consigliere Dott. CHIARA GRAZIOSI.

La Corte:

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che il Condominio di via (OMISSIS) ha presentato ricorso per cassazione avverso sentenza 17 aprile-4 maggio 2015 della Corte d’appello di Bari che ha accolto l’appello di Acquedotto Pugliese S.p.A. parzialmente riformando la sentenza n. 101/2010 con cui il Tribunale di Bari aveva accolto la domanda di accertamento negativo di credito proposta dal suddetto condominio, e quindi accertando l’esistenza di un credito dell’appellante nei confronti dell’appellato nella misura di Euro 23.807,15 oltre Iva, condannando altresì l’appellato alle spese di entrambi i gradi;

rilevato che il ricorso si articola in cinque motivi e che Acquedotto Pugliese S.p.A. se ne è difeso con controricorso;

rilevato che il primo motivo, denunciante violazione e/o falsa applicazione degli artt. 75 e 77 c.p.c., costituisce in realtà la formulazione di una valutazione alternativa rispetto a quella in ordine al contenuto della procura notarile che il giudice d’appello ha correttamente effettuato e adeguatamente illustrato nell’apparato motivazionale (motivazione, pagina 3s.);

rilevato che il secondo motivo, denunciante violazione e/o falsa applicazione dell’art. 115 c.p.c., nella sua reale conformazione, come ha evidenziato il controricorrente, non risulta pertinente al contenuto motivazionale della sentenza impugnata e alle sue effettive rationes decidendi;

rilevato che il terzo motivo, denunciante omesso esame su fatto decisivo e discusso in riferimento al Regolamento dell’Acquedotto Pugliese e alla Carta del servizio idrico integrato, in realtà è di natura inammissibilmente fattuale, e che parimenti il quarto e il quinto motivo – il primo qualificato dal ricorrente come violazione dell’articolo 2727 c.c. e il secondo come violazione dell’art. 2697 c.c., art. 194 c.p.c., e art. 111 Cost. – si imperniano in realtà su valutazioni alternative (con particolare riguardo agli esiti della c.t.u.) dell’accertamento fattuale;

ritenuto che quindi il ricorso deve essere rigettato, con conseguente condanna del ricorrente alla rifusione delle spese del grado – liquidate come da dispositivo – al controricorrente;

ritenuto altresì che sussistono D.P.R. n. 115 del 2012, ex art. 13, comma 1 quater, i presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del comma 1 bis, dello stesso articolo.

PQM

 

Rigetta il ricorso, condannando il ricorrente a rifondere al controricorrente le spese processuali, liquidate in complessivi Euro 3400, oltre a Euro 200 per gli esborsi e al 15% per spese generali, nonchè agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente principale, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 30 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 21 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA