Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15412 del 03/06/2021

Cassazione civile sez. trib., 03/06/2021, (ud. 12/11/2020, dep. 03/06/2021), n.15412

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIRGILIO Biagio – Presidente –

Dott. PERRINO Angelina Maria – rel. Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – Consigliere –

Dott. GALATI Vincenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al numero 27179 del ruolo generale dell’anno

2012, proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del direttore pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, presso

gli uffici della quale in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12, si

domicilia;

– ricorrente –

contro

s.r.l. Azzurro, in persona del legale rappresentante pro tempore,

rappresentato e difeso, giusta procura speciale a margine del

controricorso, dall’avv. Villani Maurizio, presso lo studio del

quale in Lecce, alla via Cavour, n. 56, elettivamente si domicilia;

– controricorrente e ricorrente in via incidentale –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Puglia, sede staccata di Lecce, n. 64/24/12;

udita la relazione resa nella camera di consiglio del 12 novembre

2020 dal consigliere Perrino Angelina-Maria.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

– per l’anno d’imposta 2004 l’Agenzia delle entrate ha contestato alla società l’erronea applicazione ad operazioni di acquisto e di successiva rivendita di oggetti d’oro, definiti dalla contribuente come rottami auriferi, del regime d’inversione contabile, in luogo di quello del margine per i beni d’occasione;

– l’impugnazione dell’avviso non ha avuto successo nè in primo, nè in secondo grado;

– per quanto ancora d’interesse, il giudice d’appello ha ritenuto che la società esercitasse nella sostanza attività di compro oro e che dovesse cedere i preziosi usati applicando il regime dell’iva del margine del regime;

– tuttavia, ha disposto la riduzione delle sanzioni al 3% dell’imposta irregolarmente assolta, in ragione della buona fede della contribuente e della mancanza di prova di evasione dell’imposta;

– contro questa sentenza propone ricorso l’Agenzia delle entrate per ottenerne la cassazione, che affida a tre motivi, cui la contribuente replica con controricorso e ricorso incidentale, pure strutturato in tre motivi.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

– la contribuente ha presentato domanda di definizione agevolata della controversia, a norma del D.L. 23 ottobre 2018, n. 119, art. 6 e art. 7, comma 2, lett. b), e comma 3, conv., con mod., con L. 17 dicembre 2018, n. 136:

– l’Agenzia, con comunicazione sopravvenuta all’adunanza, risalente al 25 febbraio 2021, ha aderito alla definizione;

– il perfezionamento della procedura comporta l’estinzione del processo, mentre le spese restano a carico di chi le ha sostenute.

P.Q.M.

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, il 12 novembre 2020 e il 17 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 3 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA