Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15409 del 28/06/2010

Cassazione civile sez. III, 28/06/2010, (ud. 09/06/2010, dep. 28/06/2010), n.15409

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto – Presidente –

Dott. FILADORO Camillo – Consigliere –

Dott. FEDERICO Giovanni – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 1579-2006 proposto da:

R.U., (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VJA BOCCA DI LEONE 78, presso lo studio dell’avvocato

POMTECORVI PAOLO, rappresentato e difeso dagli avvocati CAMPO

ANTONINO, D’ANNA GUGLIELMO con delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

L.R.F., (OMISSIS); R.A.,

(OMISSIS); R.G., (OMISSIS); R.

S., (OMISSIS), tutti Eredi di RA.AN.

(OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, VIA GASPARE

GOZZI 6^ b, presso lo studio dell’avvocato LENTINI VITO,

rappresentato e difeso dagli avv. DOMIANELLO CONO, BENVENGA GIUSEPPE

con delega a margine de controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 297/2005 della CORTE D’APPELLO di MESSINA,

emessa il 26/05/2005; depositata il 0 9/06/2005; R.G.N. 818/2002;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/06/2010 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE Umberto che ha concluso per il rigetto.

La. Corte:

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

letto il ricorso proposto attraverso quattro motivi da R. U. per la cassazione della sentenza con la quale la Corte d’appello di Messina, parzialmente riformando la prima sentenza, ha qualificato il rapporto intercorrente tra Ra.An. e suo figlio U. (relativo ad un appartamento) come comodato; ha, dunque, condannato U. a rilasciare l’immobile ed ha operato la parziale compensazione tra le somme da questo spese per la ristrutturazione dell’appartamento e quanto dal medesimo dovuto al padre a titolo di risarcimento del danno corrispondente al mancato pagamento del canone locativo;

letto il controricorso degli altri eredi di Ra.An., frattanto decedute – rilevato che i motivi, benchè formalmente denunziando violazioni di legge e vizi della motivazione, prospettano questioni di fatto e relative alla qualificazione del rapporto;

questioni in ordine alle quali la sentenza impugnata ha fornito una motivazione congrua, logica ed immune da vizi giuridici;

osserva, dunque, che il ricorso deve essere respinto, con condanna del ricorrente a rivalere le controparti delle spese sopportate nel giudizio di cassazione.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 3200,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 9 giugno 2010.

Depositato in Cancelleria il 28 giugno 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA