Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15261 del 04/06/2019

Cassazione civile sez. VI, 04/06/2019, (ud. 14/02/2019, dep. 04/06/2019), n.15261

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 345-2018 proposto da:

S.P., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

PASQUALE COTICELLI;

– ricorrente –

contro

SANTUARIO DELLA BEATA MARIA VERGINE DELLA VALLE DI POMPEI, ALLIANZ

SPA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 358/2017 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 27/01/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/02/2019 dal Consigliere Relatore Dott. PELLECCHIA

ANTONELLA.

Fatto

RILEVATO

che:

1. S.G. ed C.A., in qualità di esercenti la potestà genitoriale sul figlio minore S.P., convenivano in giudizio il Santuario della Beata Vergine Maria della Valle di Pompei al fine di sentirlo condannare al risarcimento dei danni subiti dal figlio, in ragione della rovinosa caduta verificatasi sulle scale del plesso scolastico “(OMISSIS)”.

Con sentenza 780/2009, il Tribunale di Torre Annunziata rigettava la domanda attorea, ritenendola non provata.

2. Le parti soccombenti impugnavano la pronuncia di prime cure innanzi alla Corte d’Appello di Napoli, eccependo, per quel che qui rileva, che, trattandosi di danno procurato a sè stesso, il Tribunale avrebbe dovuto fare applicazione del regime probatorio di cui all’art. 1218 c.c..

Con sentenza 358/2017, del 27/01/2017, la Corte partenopea rigettava l’impugnazione, in quanto, ritenuto applicabile il regime probatorio di cui all’art. 1218 c.c., reputava non provata la dinamica del sinistro.

3. S.P., nelle more divenuto maggiorenne, propone ricorso per cassazione, sulla base di due motivi.

4. E’ stata depositata in cancelleria ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., e regolarmente notificata ai difensori delle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza, la proposta di manifesta fondatezza del ricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

5. A seguito della discussione sul ricorso, tenuta nella camera di consiglio, reputa il Collegio di rinviare la causa alla Pubblica Udienza della Sezione ordinaria.

P.Q.M.

la Corte rinvia la causa alla Pubblica Udienza della Sezione ordinaria.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sesta sezione civile della Corte Suprema di Cassazione, il 14 febbraio 2019.

Depositato in Cancelleria il 4 giugno 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA