Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15246 del 22/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 22/07/2016, (ud. 08/06/2016, dep. 22/07/2016), n.15246

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 22373-2014 proposto da:

D.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA CRESCENZIO

20, presso lo studio dell’avvocato SALVINO GRECO, che la rappresenta

e difende, giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA SUD SPA, ROMA CAPITALE (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 6271/2014 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il

17/03/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza

dell’08/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. VINCENZO CORRENTI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

D.M. propone ricorso per cassazione contro Equitalia Sud e Roma Capitale, che non svolgono difese, avverso la sentenza del tribunale di Roma 17.3.2014 che ha respinto l’appello posto che ai sensi dell’art. 616 c.p.c., l’opposizione al sollecito di pagamento andava proposta con deposito dell’atto nel termine previsto dalla L. n. 689 del 1981, art. 22 e l’opponente non aveva provato la data di notifica del ricevuto sollecito per cui la data apposta sullo stesso – 30.3.2012 – doveva intendersi come dies a quo mentre solo nell’ottobre 2012 l’opposizione era stata iscritta a ruolo.

Parte ricorrente denunzia a) violazione degli artt. 112 e 324 c.p.c., per essere stata rilevata di ufficio la presunta intervenuta decadenza mentre il GP aveva accolto l’opposizione riconoscendo non provata la notifica del verbale e condannato solo il Comune e non Equitalia alle spese, decisione appellata solo dall’opponente, donde il giudicato.

E’ il caso di osservare che avverso la cartella sono esperibili i rimedi di cui all’art. 617 c.p.c., nei termini perentori di legge ma anche l’opposizione ex lege n. 689 del 1981 e quella ex art. 615 c.p.c. (Cass. 20.4.2006 n. 9180, Cass. 8.2.2006 n. 2819, Cass. 18.7.2005 n. 15149, etc.).

Nella specie, la sentenza ha rilevato di ufficio la mancata prova della tempestività dell’opposizione, mentre, trattandosi di opposizione ex art. 615 c.p.c., era preclusa tale possibilità.

In particolare la sentenza riconosce che l’appellante si era avvalsa in primo grado dello strumento di cui all’art. 615 c.p.c., argomentando sulla mancata notifica del vav prodromico per poi concludere con la mancata prova della data di notifica del sollecito.

Donde l’accoglimento del ricorso con cassazione e rinvio dovendosi decidere nel merito.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza e rinvia, anche per le spese, al Tribunale di Roma, in persona di altro Magistrato.

Così deciso in Roma, il 8 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA