Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15236 del 16/07/2020

Cassazione civile sez. lav., 16/07/2020, (ud. 26/02/2020, dep. 16/07/2020), n.15236

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TORRICE Amelia – Presidente –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – rel. Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 369-2016 proposto da:

L.P.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DI

PIETRALATA n. 320, presso lo studio dell’avvocato GIGLIOLA MAZZA

RICCI, rappresentato e difeso dall’avvocato VINCENZO ANTONUCCI;

– ricorrente –

contro

AZIENDA SANITARIA LOCALE (OMISSIS) DI LANCIANO-VASTO-CHIETI, in

persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA SUSA n. 1, presso lo studio dell’avvocato

IDA DI DOMENICA, rappresentata e difesa dall’avvocato GERMANO BELLI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 716/2015 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 18/06/2015 R.G.N. 729/2014.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. la Corte d’Appello di L’Aquila ha respinto l’appello proposto da L.P.G. avverso la sentenza del Tribunale di Vasto che aveva rigettato la domanda volta ad ottenere la condanna dell’Azienda Sanitaria Locale n. (OMISSIS) di Lanciano – Vasto al pagamento della somma di Euro 89.088,66, asseritamente dovuta a titolo di indennità di specificità medica, ex art. 54 del CCNL 5 dicembre 1996 per l’area della dirigenza medica e veterinaria del S.S.N., maturata nel periodo compreso fra il 10 gennaio 1999 ed il 1 ottobre 2010;

2. la Corte territoriale ha premesso che l’appellante, ex medico condotto, in forza della L. n. 833 del 1978, art. 61 istitutiva delle Asl, era transitato alle dipendenze dell’azienda ed aveva optato per il trattamento economico onnicomprensivo di cui al D.P.R. n. 270 del 1987, art. 110;

3. ricostruito il quadro normativo e contrattuale, il giudice d’appello ha ritenuto infondata la domanda, evidenziando che i CCNL succedutisi nel periodo che qui viene in rilievo avevano attribuito agli ex medici condotti non legati all’ente da rapporto esclusivo il solo trattamento economico onnicomprensivo, aggiornato ed incrementato, con esclusione di ulteriori emolumenti;

4. per la cassazione della sentenza L.P.G. ha proposto ricorso sulla base di otto motivi, ai quali ha resistito con tempestivo controricorso la ASL n. (OMISSIS) di Lanciano Vasto Chieti.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. a seguito della fissazione dell’adunanza camerale il ricorrente ha notificato e depositato atto di rinuncia al ricorso ex art. 390 c.p.c. ed ha rappresentato il sopravvenuto difetto di interesse alla prosecuzione dell’azione perchè, a suo dire, il diritto sarebbe stato riconosciuto dal Ministero della Salute con atto n. 33324 del 16/6/2017, al quale ha fatto seguito lo stanziamento, disposto con la Legge di bilancio n. 205 del 2017, delle somme necessarie per ottemperare alla sentenza del Consiglio di Stato n. 2537/2004;

2. l’Azienda Sanitaria Locale n. (OMISSIS) Lanciano – Vasto non ha presentato memoria ex art. 380 bis c.p.c. nè ha manifestato la volontà di accettare la rinuncia, in relazione alla quale nulla ha osservato;

3. deve essere dichiarata l’estinzione del processo ex art. 391 c.p.c., perchè la rinuncia al ricorso per cassazione produce effetti processuali anche in assenza di accettazione, in quanto tale atto, determinando il passaggio in giudicato della sentenza – impugnata, comporta il venir meno dell’interesse a contrastare l’impugnazione (cfr. fra le tante Cass. n 11033/2019, Cass. n. 9611/2016, Cass. n. 3971/2015);

4. non può, invece, essere dichiarata l’intervenuta cessazione della materia del contendere, che comporta la perdita di efficacia della sentenza impugnata, perchè la stessa si determina solo qualora “le parti di una controversia danno atto, davanti al giudice dinanzi al quale essa pende, di avere raggiunto la sua composizione con un accordo negoziale, che con la sua efficacia e nella loro congiunta prospettazione rende non più necessario l’intervento della decisione del giudice investito della controversia, essendo venuto meno il bisogno di tutela giurisdizionale in ragione della sistemazione data alla lite dall’accordo” (Cass. S.U. n. 8980/2018);

5. si deve poi escludere che la L. n. 205 del 2017, art. 1, comma 456, costituisca una sorta di transazione normativa del contenzioso in atto (per un’ipotesi di tal tipo si rimanda a Cass. S.U. n. 19164/2017 che ha interpretato la L. n. 240 del 2010, art. 26, comma 3), sia perchè la disposizione non fa cenno ai giudizi pendenti, sia in quanto la stessa, come già affermato da questa Corte (Cass. nn. 14802 e 29625 del 2019), non ha nè riconosciuto il diritto degli ex medici condotti a percepire l’emolumento del quale qui si discute, nè impegnato le amministrazioni a liquidare l’indennità stessa con efficacia retroattiva, essendosi limitata a prevedere uno stanziamento di somme, da ripartire secondo criteri che il Ministero della Salute avrebbe dovuto individuare con finalità perequative e che, allo stato, non risultano precisati;

6. l’accettazione rileva, ex art. 391 c.p.c., comma 4, solo ai fini del regolamento delle spese ed impedisce alla Corte di condannare, ai sensi del comma 2 della norma richiamata, al pagamento delle stesse la parte che ha dato causa al processo;

7. nel caso di specie, peraltro, stante la facoltatività della condanna del rinunciante, il Collegio ritiene che debba essere disposta l’integrale compensazione, in ragione del comportamento processuale e della complessità delle questioni dedotte nel ricorso;

8. non sussistono le condizioni processuali di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater perchè la norma si applica nei soli casi, tipici, di rigetto dell’impugnazione e di dichiarazione di inammissibilità o di improcedibilità e, trattandosi di misura eccezionale lato sensu sanzionatoria, non è suscettibile di interpretazione estensiva o analogica.

P.Q.M.

La corte dichiara estinto il processo e compensa le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 26 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 16 luglio 2020

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA