Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15236 del 12/07/2011

Cassazione civile sez. un., 12/07/2011, (ud. 10/05/2011, dep. 12/07/2011), n.15236

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Primo Presidente f.f. –

Dott. ELEFANTE Antonino – Presidente Sezione –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – rel. Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. TIRELLI Francesco – Consigliere –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 13025/2010 proposto da:

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI ROMA,

in persona del Presidente pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA COSSERIA 5, presso lo STUDIO ROMANELLI, rappresentato e

difeso dagli avvocati ROMANELLI GUIDO FRANCESCO, TORSELLI GIAMPAOLO,

per delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI

CIVITAVECCHIA, in persona del Presidente pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIALE PARIOLI 180, presso lo STUDIO LEGALE

SANINO, rappresentato e difeso dagli avvocati SANINO MARIO, FRANCESCO

BRASCHI, CARLO CELANI, per delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

per regolamento di giurisdizione in relazione al giudizio pendente n.

22490/2009 del TRIBUNALE di ROMA;

udito l’avvocato Ludovica FRANZIN per delega dell’avvocato Giampaolo

Torselli;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

10/05/2011 dal Consigliere Dott. ETTORE BUCCIANTE;

lette le conclusioni scritte del Sostituto Procuratore Generale Dott.

Massimo FEDELI, il quale chiede che la Corte di cassazione, a sezioni

unite, dichiari la giurisdizione dell’AGO con le pronunce di legge.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte ritenuto che:

– l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Civitavecchia, istituito in applicazione del D.Lgs. 28 giugno 2005, n. 139, artt. 7 e 58, ha citato davanti al Tribunale di Roma l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Roma, chiedendo che sia condannato a pagargli la somma di 97.366,00 Euro, con interessi e rivalutazione monetaria; a sostegno della domanda ha dedotto di aver diritto a una quota, proporzionale al numero dei propri iscritti, del patrimonio del soppresso Ordine dei dottori commercialisti della capitale, al quale erano subentrati i nuovi Ordini di Roma e di Civitavecchia, quest’ultimo costituito da professionisti che anteriormente appartenevano all’ente disciolto e avevano concorso alla formazione del suo patrimonio versando i contributi di legge;

– il convenuto, ribadendo l’eccezione che già aveva formulato nel giudizio a quo, ha proposto istanza di regolamento preventivo, chiedendo che sia dichiarato il difetto di giurisdizione del giudice ordinario;

– l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Civitavecchia si è costituito con controricorso, sostenendo la tesi opposta a quella del ricorrente;

– il pubblico ministero, con le proprie requisitorie scritte, ha concluso per la dichiarazione della giurisdizione del giudice ordinario;

– l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Roma ha presentato una memoria;

considerato che:

– l’assunto del ricorrente si basa essenzialmente su rilievo che parti in causa sono due enti pubblici non economici e che la materia de contendere non attiene a diritti soggettivi ma a interessi legittimi, in quanto si verte su un provvedimento autoritativo – non impugnato a suo tempo nella sede propria – quale è l’atto del 26 maggio 2008, con cui l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Roma ha respinto le pretese che erano state avanzate ante causam dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Civitavecchia;

– nessuno di questi argomenti è condivisibile:

– la natura delle parti non è decisiva, ben potendo anche tra enti pubblici intercorrere rapporti privatistici;

– tale risulta quello che nella specie è stato dedotto in giudizio, dato che la controversia ha un oggetto patrimoniale, in ordine ai quale nessuna norma attribuisce poteri di supremazia all’uno o all’altro dei soggetti coinvolti, nè a una diversa amministrazione (a differenza che in altri casi, come quello delle variazioni alle circoscrizioni dei comuni, disciplinato dall’art. 36 del testo unico della legge comunale e provinciale approvato con il R.D. 3 marzo 1934, n. 383); non può dunque essere considerato come atto autoritativo la risposta negativa data dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Roma alla richiesta stragiudiziale rivoltagli dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Civitavecchia, nè è qualificabile come provvedimento la valutazione favorevole di tale richiesta, espressa “su piano etico – equitativo” dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili nella seduta de 9 e 10 aprile 2008; l’assenza di una qualche regolamentazione di carattere pubblicistico della materia oggetto della controversia esclude senz’altro che alla situazione giuridica soggettiva fatta valere nel giudizio a quo dall’attore possa essere attribuita la consistenza di interesse legittimo;

– le altre questioni prospettate dal ricorrente – circa l’infondatezza della pretesa accampata dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Civitavecchia – concernono il merito della controversia e non possono pertanto incidere su tema della giurisdizione;

– il principio da enunciare è dunque: “Compete al giudice ordinario la cognizione della causa, vertente tra due ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, istituiti in applicazione del D.Lgs. 28 giugno 2005, n. 139, artt. 7 e 58, relativa alla spettanza a uno dei due enti di una somma corrispondente alla quota, proporzionate al numero dei suoi iscritti, del patrimonio del soppresso ordine dei dottori commercialisti, al quale in precedenza appartenevano anche i suddetti iscritti”;

– deve essere pertanto dichiarata la giurisdizione de giudice ordinario;

– le spese di giudizio vengono compensate tra le parti per giusti motivi, ravvisabili nella novità della questione risolta.

P.Q.M.

Dichiara la giurisdizione del giudice ordinario; compensa tra le parti le spese di giudizio.

Così deciso in Roma, il 10 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 12 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA