Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15221 del 04/06/2019

Cassazione civile sez. VI, 04/06/2019, (ud. 08/01/2019, dep. 04/06/2019), n.15221

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – rel Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21069-2017 proposto da:

UNIPOLSAI ASSICURAZIONI SPA, in persona del Procuratore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE GIUSEPPE MAZZINI 145,

presso lo studio dell’avvocato GARAU PAOLO, che la rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

POSTE ITALIANE SPA, (OMISSIS), in persona del Responsabile,

elettivamente domiciliata in ROMA, V.LE EUROPA 190, presso lo studio

dell’avvocato ALAZZI ROBERTA, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato TOMBARI UMBERTO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5443/2017 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il

20/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata dell’08/01/2019 dal Consigliere Relatore Dott. DI MARZIO

MAURO.

Fatto

RILEVATO

Che:

1. – Unipolsai Assicurazioni S.p.A. propone ricorso per cassazione per due mezzi, nei confronti di Poste Italiane S.p.A., contro la sentenza del 20 marzo 2017 con cui il Tribunale di Roma ha respinto l’appello spiegato dalla stessa Unipolsai Assicurazioni S.p.A. avverso la sentenza del locale Giudice di pace che aveva rigettato la sua domanda volta alla condanna di Poste Italiane S.p.A. al pagamento dell’importo di Euro 1500,00, oltre accessori, per aver pagato a soggetto non legittimato un assegno di traenza non trasferibile tratto su Unipol Banca S.p.A. a titolo di indennizzo dei danni patiti dal beneficiario dell’assegno medesimo in conseguenza di un sinistro stradale.

2. – Poste Italiane S.p.A. resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

3. – Il primo motivo denuncia violazione del R.D. n. 1736 del 1933, art. 43, laddove il Tribunale aveva ritenuto Poste Italiane S.p.A. esente da responsabilità nonostante avesse pagato un assegno non trasferibile ad un illegittimo prenditore con conseguente violazione e falsa applicazione dell’art. 1176 c.c., comma 2, e art. 1992 c.c., comma 2, nella parte in cui aveva negato la responsabilità della società appellata, nella sua veste di banca negoziatrice dell’assegno in discorso.

Il secondo motivo denuncia violazione dell’art. 116 c.p.c. con riferimento all’interpretazione delle prove offerte, appuntandosi sul segmento della motivazione addotta dal giudice d’appello, il quale aveva ritenuto negligente il comportamento dell’assicuratore consistito nella spedizione dell’assegno a mezzo posta non assicurata.

Ritenuto che:

4. Il Collegio ha autorizzato la redazione del provvedimento in forma semplificata.

5. – Il giudizio va dichiarato estinto essendo intervenuta rinuncia ex art. 391 c.p.c..

6. – Le spese possono essere compensate. Non sussistono i presupposti per il raddoppio del contributo unificato.

P.Q.M.

dichiara estinto il processo e compensa le spese di questo giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 8 gennaio 2019.

Depositato in Cancelleria il 4 giugno 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA