Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15221 del 01/06/2021

Cassazione civile sez. VI, 01/06/2021, (ud. 16/12/2020, dep. 01/06/2021), n.15221

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LEONE Margherita Maria – Presidente –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 30111-2019 proposto da:

UNIQACOOP SOCIETA’ COOPERATTVA, in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato GIOVANNI REHO;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’AVVOCATURA CENTRALE

DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati ANTONINO SGROI,

EMANUELE DE ROSE, CARLA D’ALOISIO, LELIO MARITATO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 489/2019 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 08/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 16/12/2020 dal Consigliere Relatore Dott. LUCIA

ESPOSITO.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

La Corte d’appello di Milano confermava la sentenza del giudice di primo grado che aveva respinto l’opposizione proposta dalla Uniqacoop soc. cooperativa nei confronti dell’Inps avverso avviso di addebito relativo al pagamento di contributi inerenti al finanziamento del Fondo di Solidarietà Residuale per i periodi ottobre – novembre 2014 e gennaio – febbraio 2015;

avverso la sentenza ha proposto ricorso per cassazione la società sulla base di dieci motivi, illustrati con memoria;

l’Inps ha resistito con controricorso;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio non partecipata.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

il collegio rileva preliminarmente che numerosi ricorsi pendenti tra le stesse parti e riguardanti le medesime questioni poste con il presente pendono dinanzi alla quarta sezione della Corte;

che, pertanto, al fine di consentire una trattazione congiunta delle questioni, in vista di una soluzione unitaria, si rende necessaria la rimessione alla quarta sezione del presente procedimento.

P.Q.M.

La Corte rimette la causa alla quarta sezione.

Così deciso in Roma, nelle adunanze camerali, il 16 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 1 giugno 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA