Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15180 del 01/06/2021

Cassazione civile sez. trib., 01/06/2021, (ud. 12/11/2020, dep. 01/06/2021), n.15180

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIRGILIO Biagio – Presidente –

Dott. PERRINO Angel – Maria –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – Consigliere –

Dott. CHIESI Gian Andrea – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 23886-2014 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore

p.t., dom.to in ROMA, alla VIA DEI PORTOGHESI, n. 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO;

– ricorrente –

contro

M.F., nella qualità di legale rappresentante della

M.S. S.A.S., rapp. e dif., in virtù di procura speciale a

margine del ricorso, dall’Avv. GIANFILIPPO CECCIO, unitamente al

quale è elett.te dom.to in ROMA, alla VIA DELLA MERCEDE, n. 11,

presso lo studio dell’Avv. LUIGI RAGNO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 183/27/2013 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della REGIONE SICILIANA, sez. st. di MESSINA, depositata

il 15/07/2013;

nonchè sul ricorso 2435-2016 proposto da:

M.F., in proprio nella qualità di legale rappresentante

della M.S. S.A.S., rapp. e dif., in virtù di procura

speciale a margine del ricorso, dall’Avv. GIANFILIPPO CECCIO,

unitamente al quale è elett.te dom.to in ROMA, alla VIA DELLA

MERCEDE, n. 11, presso lo studio dell’Avv. LUIGI RAGNO;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore

p.t., dom.to in ROMA, alla VIA DEI PORTOGHESI, n. 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2047/2/15 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della REGIONE SICILIANA, sez. st. di MESSINA, depositata

il 19/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

12/11/2020 dal Consigliere Dott. GIAN ANDREA CHIESI.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Osservato (relativamente al ricorso iscritto al n. 23886/2014 r.g.) che l’AGENZIA DELLE ENTRATE provvide, nei confronti della M. S.A.S., a riprese per I.R.A.P., I.R.P.E.F. ed I.V.A., recuperando a tassazione maggiori redditi determinati sulla base degli studi di settore e relativi all’anno di imposta 2003, contestualmente notificando ai soci, M.A. e M.F., separati avvisi di accertamento, contenenti la rettifica del reddito di partecipazione dichiarato da costoro ai fini I.R.P.E.F.;

che tutti i predetti contribuenti impugnarono i rispettivi avvisi di accertamento innanzi alla C.T.P. di Messina che, con sentenze 406/11/11, 407/11/11 e 408/11/11, rigettò i ricorsi; che, avverso tali decisioni, i contribuenti proposero gravame innanzi alla C.T.R. della Regione Siciliana, sez. st. di Messina la quale, con sentenza n. 183/27/2013, depositata il 15.7.2014, previa riunione, accolse gli appelli, osservando – per quanto in questa sede ancora interessa – come (a) la mancata risposta al questionario trasmesso dall’Ufficio, dovuta a circostanza non imputabile, non precludesse alla società contribuente di “presentare in giudizio le medesime eccezioni e giustificazioni che avrebbe potuto far valere in sede di contraddittorio” e (b) lo scostamento ravvisato nella specie non evidenziasse alcuna grave incongruenza, tale da dare luogo all’operata rettifica;

che avverso tale sentenza l’AGENZIA DELLE ENTRATE ha quindi proposto ricorso per cassazione, affidato a tre motivi. Si è costituito, con controricorso, M.F., nella qualità di legale rappresentante della M.S. S.A.S.;

che (relativamente al ricorso iscritto al n. 2435/2016 r.g.) l’AGENZIA DELLE ENTRATE irrogò a M.F., in proprio e quale legale rappresentante della M.S. S.A.S., anche le sanzioni conseguenti al precedente avviso di accertamento notificato alla società predetta per le riprese relative all’anno 2003;

che il M., in proprio e nella qualità” impugnò anche tale provvedimento innanzi alla C.T.P. di Messina che, con sentenza 530/11/13, rigettò il ricorso;

che avverso tale decisione il contribuente propose gravame, in proprio e nella qualità, innanzi alla C.T.R. della Regione Siciliana, sez. st. di Messina la quale, con sentenza n. 2047/2/15, depositata il 19.5.2015 rigettò l’appello, ritenendo – per quanto in questa sede ancora interessa – (a) insussistente il dedotto vizio di motivazione della decisione di prime cure, (b) giustificata la mancata riunione tra il giudizio avente ad oggetto l’atto irrogativo delle sanzioni e quello concernente l’avviso di accertamento “a monte”, nonchè, in ultima analisi, (c) legittimo l’operato dell’ufficio;

che avverso tale sentenza M.F., in proprio e nella qualità, ha quindi proposto ricorso per cassazione, affidato a tre motivi. Si è costituita, con controricorso, l’AGENZIA DELLE ENTRATE;

Considerato che, in via del tutto preliminare, va disposta la riunione, al giudizio anteriormente iscritto al n. 23886/2014 r.g., di quello successivamente iscritto al n. 2435/2016 r.g., per ragioni di connessione oggettiva e parzialmente soggettiva, concernendo il primo procedimento innanzi indicato l’impugnazione dell’avviso di accertamento originante l’atto irrogativo di sanzioni oggetto del secondo giudizio;

che, sempre in via preliminare, poi, va ordinata l’integrazione del contraddittorio nei confronti di M.F. e M.A., parti di entrambi i precedenti gradi di merito nel giudizio iscritto al n. 23886/2014 r.g. e non evocati (nè costituitisi) nell’odierno giudizio di legittimità (cfr. anche Cass., Sez. 5, 30.10.2018, n. 27616, Rv. 651077-01);

che i ricorsi devono essere pertanto rinviati a nuovo ruolo, con assegnazione di un termine perentorio per l’integrazione del contraddittorio, relativamente al primo ricorso, nei confronti dei predetti M.F. e M.A..

PQM

riunisce al ricorso anteriormente iscritto al n. 23886/2014 r.g. quello successivamente iscritto al n. 2435/2016 r.g. e li rinvia a nuovo ruolo, assegnando termine di giorni novanta dalla comunicazione della presente ordinanza per l’integrazione del contraddittorio nei confronti di M.F. e M.A..

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Civile Tributaria, il 12 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 1 giugno 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA