Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15169 del 04/06/2019

Cassazione civile sez. lav., 04/06/2019, (ud. 27/03/2019, dep. 04/06/2019), n.15169

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. TRIA Lucia – Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – Consigliere –

Dott. BELLE’ Roberto – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15676-2014 proposto da:

S.L., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE DI VILLA

PAMPHILI 59, presso lo studio dell’avvocato MARIA SALAFIA,

rappresentata e difesa dagli avvocati VITALIANA VITALETTI BIANCHINI,

RENATO BIANCHINI;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Commissario Straordinario e legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso lo

studio dell’avvocato ELISABETTA LANZETTA, che lo rappresenta e

difende unitamente agli avvocati CHERUBINA CIRIELLO, SEBASTIANO

CARUSO;

– controricorrente –

e contro

G.F. domiciliata ope legis presso la Cancelleria

della Corte di Cassazione rappresentata e difesa dall’Avvocato

Maurizio MIRANDA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 201/2014 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 11/03/2014 R.G.N. 658/2013.

Fatto

RILEVATO

che, con sentenza dell’11 marzo 2014, la Corte d’Appello di Ancona, in parziale riforma della decisione resa dal Tribunale di Ancona nel giudizio instaurato da S.L. contro l’INPS e, quale controinteressata chiamata in causa, G.F., rigettava, non diversamente dal primo giudicè, la domanda principale della S. avente ad oggetto il riconoscimento del proprio diritto a far data dall’1.1.2002, all’atto cioè del suo passaggio per mobilità tra comparti dal Comune di Sirolo all’INPS alla collocazione, per effetto dell’asserita corrispondenza all’originario inquadramento nella categoria D1 della classificazione del personalè di cui al CCNL per il comparto Enti Locali, nell’Area C3 della classificazione del personale di cui al CCNL per il comparto Enti Pubblici Economici ma, altresì, disattendendo la decisione di primo grado, la domanda dalla stessa S. proposta in via subordinata tesa al riconoscimento del trattamento economico corrispondente al superiore inquadramento nell’Area C3 a decorrere dal 31.12.2006;

che la decisione della Corte territoriale, chiamata su appello dell’INPS a pronunciarsi sulla sola domanda subordinata, discende dall’aver questa ritenuto legittima la clausola del bando di selezione per la progressione in Area C recante la previsione di un punteggio aggiuntivo pari a tre punti in favore solo di alcune categorie di candidati e, pertanto, la S. non utilmente collocata nella relativa graduatoria e, comunque, non provato da parte della S. stessa lo svolgimento di mansioni proprie della superiore Area C3, non avendo rivestito un ruolo di responsabilità o direzione nell’ambito della ragioneria di sede e non potendo valorizzarsi ai predetti fini, in difetto dell’essenziale requisito della prevalenza delle superiori mansioni, l’assegnazione a servizi di docenza e la pur frequente adibizione presso la Direzione generale di Roma per la predisposizione dei bilanci consuntivi e preventivi;

che per la cassazione di tale decisione ricorre la S., affidando l’impugnazione a due motivi, cui resistono, con controricorso, sia l’INPS sia la G.;

che tanto la ricorrente quanto la controricorrente G. hanno poi presentato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che, con il primo articolato motivo, la ricorrente, nel denunciare la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 30, commi 1, 2 e 2 quinquies, dell’art. 2 del CCNI di Ente del 2006 in una con il vizio di insufficiente e contraddittoria motivazione, degli artt. 1175,1375,1363 e 1366 c.c. ancora unitamente al vizio di insufficiente e contraddittoria motivazione, degli artt. 3 e 97 Cost. nuovamente accompagnato dal vizio di insufficiente e contraddittoria motivazione, lamenta l’incongruità logica e giuridica della valutazione di legittimità cui perviene la Corte territoriale in ordine alla previsione recata dal bando di selezione inteso ad attribuire un punteggio privilegiato esclusivamente nei confronti di specifiche categorie di candidati; che, con il secondo motivo, denunciando la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 52, commi 2, 3, 4 e 5, degli artt. 5 e 6 CCNL 2006/2009, dell’art. 2697 c.c., la ricorrente lamenta l’incongruità dell’iter logico valutativo seguito dalla Corte territoriale per giungere ad escludere la riconducibilità delle mansioni accertate come di fatto svolte dalla ricorrente al superiore inquadramento nell’area C3;

che il primo motivo deve ritenersi inammissibile, vertendosi in tema di interpretazione di una clausola recata dal bando di selezione per la progressione in Area C di cui è causa che non risulta allegato al ricorso e che inammissibile si confermerebbe anche se la censura dovesse essere ricondotta alla previsione del CCNI 2006 cui il bando intendeva conformarsi alla stregua dell’orientamento accolto da questa Corte (cfr., da ultimo Cass. 31.5.2017, n. 13802) secondo cui ai sensi del D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 63 e dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, come modificato dal D.Lgs. n. 40 del 2006, la denuncia della violazione e falsa applicazione dei contratti collettivi di lavoro è ammessa solo con riferimento a quelli di carattere nazionale, per i quali è previsto il peculiare regime di pubblicità di cui al D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 47,comma 8, mentre i contratti integrativi, attivati dalle amministrazioni su singole materie e nei limiti stabiliti dal contratto nazionale, tra i soggetti e con le procedure negoziali che questi ultimi prevedono, se pure parametrati al territorio nazionale in ragione dell’amministrazione interessata, hanno una dimensione di carattere decentrato rispetto al comparto, con la conseguenza che la loro interpretazione è riservata al giudice del merito ed è censurabile in sede di legittimità solo per violazione dei criteri legali di ermeneutica contrattuale ovvero per vizio di motivazione, nei limiti fissati dall’art. 360 c.p.c., n. 5 nel testo applicabile ratione temporis;

che parimenti inammissibile si rivela il secondo motivo, limitandosi la ricorrente ad opporre al libero apprezzamento dell’esito dell’istruttoria operato dalla Corte territoriale una propria valutazione dell’accertamento espletato, senza neppure preoccuparsi di sollevare specifiche censure in ordine ai rilievi su cui la Corte territoriale mostra, nella motivazione resa, di voler fondare il proprio giudizio e che attengono alla parzialità degli ambirti di competenza dell’ufficio di adibizione sui quali la ricorrente risulta essere intervenuta, tale da indurre a ritenere la mancanza di una visione globale dei processi produttivi, alla non ravvisabilità di alcuni dei contenuti professionali ritenuti qualificanti delle superiori mansioni, quali la gestione di gruppi di lavoro anche interfunzionali e così l’esercizio di funzioni di guida e motivazione degli appartenenti al gruppo ed all’irrilevanza, ai fini della riferibilità delle mansioni svolte al superiore inquadramento, degli ulteriori e non prevalenti compiti di servizio assegnati alla ricorrente presso la Direzione generale dell’Istituto o quale docente;

che, pertanto, il ricorso va dichiarato inammissibile;

che le spese seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna parte ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che liquida in Euro 200,00 per esborsi ed Euro 4.000,00 per compensi, oltre spese generali al 15% ed altri accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 27 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 4 giugno 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA