Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15159 del 22/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 22/07/2016, (ud. 15/01/2016, dep. 22/07/2016), n.15159

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 25681/2014 proposto da:

T.G.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

SIMON BOCCANEGRA, 8, presso lo studio dell’avvocato MELINA MARTELLI,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato VINCENZO

TALLARICO giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS), in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza n. 9822/2013 R.A.C.C. del TRIBUNALE di PADOVA del

26/03/2013, depositata l’08/04/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

15/01/2016 dal Consigliere Relatore Dott. VINCENZO CORRENTI;

udito l’Avvocato Melina Martinelli difensore del ricorrente che si

riporta agli scritti.

Fatto

FATTO E DIRITTO

T.G.P. propone ricorso per cassazione contro il Ministero dell’Interno, che resiste con controricorso, avverso l’ordinanza del Tribunale di Padova ex art. 348 bis c.p.c., che ha dichiarato inammissibile l’appello per la non sussistenza di probabilità di accoglimento posto che la polizza che copriva l’auto del ricorrente era a frazionamento semestrale e non scadeva al 10.11.2013 con applicazione della proroga di 15 giorni ma il 10.5.2013.

Il ricorrente denunzia: 1) omesso esame di fatto decisivo perchè il Giudice di appello ha mal interpretato il verbale supponendo fosse stato elevato nel 2013 anzicchè nel 2012; 2) violazione di norma di diritto perchè il giudicante non ha tenuto conto del fatto che l’art. 1901 c.c., è norma inderogabile e non esclude l’obbligo di risarcimento da parte della Compagnia; 3) violazione di norma di diritto perchè vigendo la copertura non poteva essere contestato l’art. 193 C.d.S.; 4) violazione di norma di diritto ed omesso esame di fatti decisivi perchè la copertura esisteva ancora per tredici ore e mezzo.

Le censure sono inammissibili.

Nel caso di specie, ai sensi dell’art. 348 ter c.p.c., a seguito dell’ordinanza di inammissibilità, è previsto il ricorso per cassazione avverso la sentenza di primo grado nel termine indicato.

E’vero che può impugnarsi anche l’ordinanza di inammissibilità per vizi propri (Cass. n. 7372/2014) ma nella specie si esula da tale ipotesi.

La sentenza di primo grado, come eccepisce il controricorrente, aveva rilevato che la polizza era valida dal 26.11.2012 mentre la sanzione era del 25.11.2012.

Ciò premesso il riferimento nell’ordinanza di inammissibilità al 2013 costituirebbe in astratto un errore revocatorio mentre lo stesso controricorrente lo definisce lapsus calami irrilevante attesa la mancata impugnazione della sentenza di primo grado con la conseguente inammissibilità del primo motivo ma anche dei successivi.

In definitiva il ricorso va dichiarato inammissibile con condanna alle spese.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese liquidate in Euro 500 oltre spad dando atto della sussistenza ex D.P.R. n. 115 del 2002, per il versamento dell’ulteriore contributo unificato.

Così deciso in Roma, il 15 gennaio 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA