Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15113 del 22/06/2010

Cassazione civile sez. II, 22/06/2010, (ud. 26/02/2010, dep. 22/06/2010), n.15113

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – rel. Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 11021-2007 proposto da:

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende, ope

legis;

– ricorrente –

contro

L.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1709/2006 del TRIBUNALE di NAPOLI del 7/12/05,

depositata il 17/02/2006;

– udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

26/02/2010 dal Consigliere Relatore dott. Ippolisto PARZIALE;

– è presente l’Avvocato Generale in persona del dr. Domenico

IANNELLI, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. – Il Ministero dell’Interno impugna la sentenza n. 1709 del 2006 del Tribunale di Napoli, depositata il 17 febbraio 2006, non notificata, che dichiarava inammissibile il suo appello avverso la sentenza del Giudice di Pace di Teano, che accoglieva la domanda nei suoi confronti proposta dall’odierno intimato, L.G., messo notificatore del Comune, che richiedeva il pagamento della somma di Euro 779,65 per le notifiche di certificati elettorali effettuate in occasione del referendum svoltosi il 15 giugno 1997.

2. – Il Tribunale dichiarava inammissibile l’appello, ritenendo la sentenza impugnata soggetta a ricorso per cassazione, avendo il Giudice di Pace deciso secondo equità in relazione al valore della controversia (inferiore a Euro 1.100), non potendosi considerare domanda riconvenzionale (ma mera eccezione riconvenzionale) la richiesta dell’Amministrazione di accertamento dell’inesistenza di debiti nei confronti dell’intimato per la consegna di certificati elettorali anche per altre consultazioni.

Il Tribunale riteneva altresì inammissibile l’impugnazione per essere decorso il termine breve.

3. – Il Ministero dell’Interno impugna tale decisione, articolando cinque motivi.

Col primo segnala di aver proposto ricorso per revocazione della decisione impugnata quanto alla ritenuta tardività dell’impugnazione. Col secondo motivo denuncia difetto di giurisdizione del giudice ordinario, trattandosi di controversia in materia di pubblico impiego relativa a questioni attinenti al periodo anteriore al 1 luglio 1998, richiamando tal fine la giurisprudenza più recente di questa Corte (SU 2005 n. 6409). Con gli altri motivi denuncia l’incompetenza per materia del giudice adito (terzo motivo), il difetto di legittimazione passiva del Ministero dell’Interno (quarto motivo) e l’omessa pronuncia sull’eccezione di prescrizione ed omessa motivazione (quinto motivo, erroneamente rubricato come quarto).

4. – Parte intimata non ha svolto attività difensiva in questa sede.

5. – Attivata procedura ex art. 375 c.p.c. il Procuratore Generale invia requisitoria scritta nella quale conclude con richiesta di trasmissione del ricorso alle Sezioni Unite in relazione alla questione di giurisdizione sollevata.

6. – La richiesta della Procura Generale deve essere accolta con trasmissione del ricorso alle Sezioni Unite in relazione alla questione di giurisdizione sollevata.

PQM

La Corte dispone la trasmissione del ricorso al Primo Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite con riguardo alla questione di giurisdizione proposta.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 26 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 22 giugno 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA