Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15067 del 15/07/2020

Cassazione civile sez. VI, 15/07/2020, (ud. 05/03/2020, dep. 15/07/2020), n.15067

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – rel. Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 10084-2019 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

D.S.A.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 6418/10/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE del LAZIO, depositata il 25/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/03/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa LA

TORRE MARIA ENZA.

Fatto

RITENUTO

che:

L’Agenzia delle entrate ricorre per la cassazione della sentenza della CTR del Lazio, n. 6418/10/18 dep. 25/9/2018, che in controversia su impugnazione da parte di P.C., rappresentata e difesa dall’Avv. Giuseppe Maria Angelini con studio in Roma, di avviso di accertamento per rendita catastale di unità immobiliare sita in Roma, microzona -(OMISSIS)- L. n. 311 del 2004, ex art. 1, comma 335, ha dichiarato inammissibile l’appello dell’Ufficio, in quanto spedito tramite servizio di posta privata, in relazione a sentenza della CTP di Roma dep. il 15 luglio 2016 (come affermato dall’Agenzia ricorrente).

La contribuente costituitasi in appello, è rimasta intimata nel presente giudizio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Col primo motivo si deduce violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 58 del 2011, art. 1, comma 2, lett. O), del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 16, comma 3 e art. 38, comma 3 e dell’art. 327 c.p.c., comma 1, ex art. 360 c.p.c., n. 3;

2.col secondo motivo si deduce violazione dell’art. 156 c.p.c., ex art. 360 c.p.c., n. 3, per avere l’appellato sanato le eventuali irregolarità della notifica con la sua tempestiva costituzione in giudizio;

Va preliminarmente rilevato che il ricorso è stato proposto contro D.S.A., rappresentata e difesa dall’Avv. Giuseppe Maria Angelini con studio in Roma, mentre la parte appellata nella sentenza impugnata risulta essere P.C., dal medesimo difensore rappresentata e difesa.

Rilevata la necessità di acquisire il fascicolo dei gradi di merito, al fine di verificare la correttezza della impugnazione nei confronti di soggetto legittimato.

P.Q.M.

Rinvia a nuovo ruolo; manda alla cancelleria per gli adempimenti necessari.

Così deciso in Roma, il 5 marzo 2020.

Depositato in cancelleria il 15 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA