Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 15055 del 07/07/2011

Cassazione civile sez. VI, 07/07/2011, (ud. 14/04/2011, dep. 07/07/2011), n.15055

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. COLETTI DE CESARE Gabriella – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – rel. Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 27239-2009 proposto da:

S.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA MARATONA 56, presso lo studio dell’avvocato SABRINA ROMANO,

rappresentata e difesa dall’avvocato DEFILIPPI CLAUDIO, giusta

procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO “GAETANO MARTINO”, in

persona del Direttore Generale pro tempore, elettivamente domiciliata

in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato PROITI VINCENZO, giusta mandato a margine del

controricorso;

– controricorrente –

contro

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso L’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che la rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 15688/2009 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 03/07/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

14/04/2011 dal Consigliere Relatore Dott. FILIPPO CURCURUTO;

è presente il P.G. in persona del Dott. CARLO DESTRO.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che: S.M., con ricorso avviato alla notifica il 30 novembre 2009, chiede a norma dell’art. 395 C.P.C., comma 1, n. 3 la revocazione della sentenza n. 15688 resa da questa Corte il 3 luglio 2009 sul ricorso da essa proposto contro l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “Gaetano Martino” di (OMISSIS), assumendo di aver scoperto dopo la pubblicazione di tale sentenza che questa non aveva tenuto conto della memoria prodotta ex art. 378 c.p.c., in quanto, secondo la stessa sentenza, a margine della memoria sarebbe stata illegittimamente apposta nuova procura speciale alle liti, pur non rientrando la memoria fra gli atti contemplati dall’art. 83 c.p.c. Secondo la ricorrente è invece legittimo il rilascio della procura nella memoria ex art. 378 c.p.c., non esistendo alcun divieto in proposito, ed in ogni caso la procura sarebbe stata rilasciata non solo ad un nuovo difensore ma anche a quello già precedentemente officiato, sicchè in ogni caso della memoria la Corte avrebbe dovuto tener conto.

Le parti intimate resistono con controricorso.

IL ricorso è inammissibile.

La norma invocata dalla S. non appare pertinente dal momento che non si fa qui questione di documenti dei quali sia stata impossibile la produzione in giudizio per causa di forza maggiore o per fatto dell’avversario, così come recita l’art. 395 c.p.c., comma 1, n. 3.

La conclusione, peraltro non sarebbe diversa anche se si volesse prescindere dal motivo di revocazione formalmente invocato e valutare il ricorso alla stregua dell’art. 395 c.p.c., comma 1, n. 4.

In tal caso infatti, dovrebbe rilevarsi che nella fattispecie si sarebbe trattato, in via di mera ipotesi, di errore di diritto sull’ammissibilità di una procura rilasciata a margine della memoria o, in alternativa, di errore di fatto sulla circostanza che la procura così rilasciata avrebbe riguardato oltre che un nuovo difensore anche quello precedentemente nominato.

Nel primo caso l’inammissibilità deriverebbe dalla totale estraneità dell’errore di diritto rispetto all’area dei motivi di revocazione. Nel secondo caso dalla circostanza che sull’illegittimità della procura la Corte ha espressamente pronunziato, senza che sia dato distinguere nell’ambito di tale pronunzia la ragione attinente al rilascio della procura a margine della memoria da quella concernente la pluralità di destinatari del nuovo mandato difensivo.

In conclusione, il ricorso deve esser dichiarato inammissibile.

Nulla per le spese nei confronti di entrambe le parti intimate. Il controricorso dell’Università degli studi di (OMISSIS) è tardivo, essendo stato avviato alla notifica il 9 aprile 2010. Per quello dell’Azienda ospedaliera, avviato alla notifica a mezzo del servizio postale non è stato prodotto l’avviso di ricevimento.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso; nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 14 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 7 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA