Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14898 del 06/07/2011

Cassazione civile sez. II, 06/07/2011, (ud. 12/05/2011, dep. 06/07/2011), n.14898

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ELEFANTE Antonino – Presidente –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 30153/2005 proposto da:

C.P., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA G.

MAZZINI 27, presso lo studio dell’avvocato NICOLAIS LUCIO, che lo

rappresenta e difende unitamente agli avvocati CIAPPI Arduino,

CECCHELLA CLAUDIO;

– ricorrente –

contro

C.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA TACITO

23, presso lo studio dell’avvocato MACIOCI CLAUDIO, che lo

rappresenta e difende;

S.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

CONFALONIERI 2, presso lo studio dell’avvocato SATRIANO ROCCO, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato MANCINI LUIGI;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 801/2005 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

depositata il 26/05/2005;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

12/05/2011 dal Consigliere Dott. VINCENZO CORRENTI;

udito l’Avvocato NICOLAIS Lucio, difensore del ricorrente che ha

chiesto di riportarsi agli atti;

udito l’Avvocato Marina TURCHETTI, con delega depositata in udienza

dell’Avvocati Claudio MANCINI, difensore del resistente che ha

chiesto di riportarsi anch’essa;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso per il rigetto del ricorso

con condanna alle spese.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso al Tribunale di Firenze C.P., dicendosi proprietario per un sesto del fondo (OMISSIS) ed affittuario dei restanti cinque sesti di proprietà dei suoi cinque fratelli, agiva in via possessoria contro il fratello D., il quale dopo che già nel 1997 e nel 1998 aveva violato il pacifico possesso del fondo, il 30 aprile 1999 e nei giorni seguenti si era arbitrato di arare con l’aiuto del trattorista S.M. e del di lui figlio, l’intero fondo, di circa dieci ettari, distruggendo la coltura del fieno.

Il ricorso veniva proposto anche nei confronti dello S..

C.D. negava che il fratello fosse coltivatore e possessore, essendolo stato il padre con l’aiuto del convenuto e, solo dopo la morte del genitore, P., contrastato dal convenuto, aveva fatto seminare da un vicino una parte del terreno, eseguendo piccoli raccolti nel 1995 e 1996.

S. si giustificava dichiarando di avere agito su incarico senza consapevolezza od interesse di violare l’altrui possesso.

Il Tribunale, con sentenza 3.6.2002, rigettava la domanda sia sotto il profilo della tardività che della prova del possesso esclusivo, decisione appellata da P., resistita dagli appellati con incidentale di D. sulla compensazione delle spese, confermata dalla Corte di appello di Firenze, con sentenza 801/2005, che deduceva essere onere dell’attore non la semplice dimostrazione di una situazione di fatto ma di una situazione di fatto e di diritto configurabile come rapporto di affitto ed in particolare, di essere stato coltivatore fino all’annata agraria della morte del padre, e di avere continuato a coltivare fino allo spoglio, circostanze non provate.

Il fondo era sostanzialmente incolto e non era stato pagato alcun affitto.

Ricorre C.P. con quattro motivi, resistono le controparti.

C.P. e D. hanno presentato memorie.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Col primo motivo si lamenta violazione dell’art. 2697 c.c., per avere la Corte di appello imputato al ricorrente la mancata prova del possesso mentre aveva dimostrato che il fratello, con azioni distinte e ripetute, a partire da un certo momento, lo aveva violentemente spogliato.

Col secondo motivo si deduce violazione dell’art. 1168 c.c., nella parte in cui è stata collegata la tutela possessoria ad una detenzione qualificata mentre anche il compossesso legittima all’azione.

Col terzo motivo si denunzia violazione dell’art. 1168 cc perchè, in presenza di distinti episodi, il termine per proporre l’azione decorre ex novo per ciascuno degli arti.

Col quarto motivo si deducono vizi di motivazione in ordine alla posizione dello S. ed alla condanna alle spese. Le censure non meritano accoglimento.

Come dedotto, la sentenza impugnata ha affermato essere onere dell’attore non la semplice dimostrazione di una situazione di fatto ma di una situazione di fatto e di diritto configurabile come rapporto di affitto ed in particolare, di essere stato coltivatore fino all’annata agraria della morte del padre, e di avere continuato a coltivare fino allo spoglio, circostanze non provate.

Il fondo era sostanzialmente incolto e non era stato pagato alcun affitto.

Ciò premesso, in ordine alla prima censura va osservato che il ricorrente contrappone alla motivata decisione della Corte territoriale della assenza di prova la assiomatica affermazione di avere dimostrato lo spoglio ma l’argomento si ritorce contro, con riferimento ad azioni ripetute a partire da un certo momento, il che conferma la tesi della tardività dell’azione.

In ordine alla seconda doglianza, se, in astratto è vera l’affermazione che anche il compossessore può agire, il ricorrente trascura la circostanza di avere introdotto il giudizio quale proprietario per un sesto ed affittuario degli altri cinque sesti, per cui tale specifica situazione andava provata, mentre rimane non censurata l’affermazione della sentenza circa la mancata prova di una coltivazione recente.

La terza censura è generica rispetto alla motivazione della sentenza, secondo la quale, se di spoglio si potesse parlare, bisognava risalire al 1967 (pagina sei) e non indica i riferimenti cronologici per pervenire ad una riforma.

Il quarto motivo è infondato attesa la soccombenza. Donde il rigetto del ricorso e la condanna alle spese.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alle spese, liquidate in Euro 1700,00 in favore di C.D. ed Euro 1200 in favore di S.M., oltre accessori, di cui euro 200 per spese vive in favore di ciascuno dei resistenti.

Così deciso in Roma, il 12 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 6 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA