Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14895 del 06/07/2011

Cassazione civile sez. II, 06/07/2011, (ud. 28/04/2011, dep. 06/07/2011), n.14895

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ODDO Massimo – Presidente –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Consigliere –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 31316/2007 proposto da:

A.V. O A. C.F. (OMISSIS), elettivamente

domiciliata in ROMA, V.AVIGNONE 102 SC. B, presso lo studio

dell’avvocato GANGALE ANDREA, rappresentata e difesa dall’avvocato DE

MARTINO Luigi;

– ricorrente –

contro

D.R.F. C.F. (OMISSIS), IN PROPRIO EX ART. 86

c.p.c., elettivamente domiciliato in ROMA, P.LE CLODIO 14, presso lo

studio dell’avvocato GRAZIANI Andrea, rappresentato e difeso anche

avvocato RENZULLI MAURIZIO;

– controricorrente –

e contro

A.L. o A., P.A., A.M. o

A., A.A. o A., A.F., o A.,

P.G.; AM.AN., o A.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 394/2007 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

depositata il 12/06/2007;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/04/2011 dal Consigliere Dott. EMILIO MIGLIUCCI;

udito l’Avvocato Colucci Angelo con delega depositata in udienza

dell’Avv. Renzulli Maurizio difensore del resistente che si riporta

agli atti;

Sentito il P.M., in persona del Sost. Proc. Gen. Dott. SCARDACCIONE

Eduardo Vittorio, che lette le conclusioni del P.M. nulla oppone.

Fatto

RILEVATO IN FATTO E DIRITTO

Che con ordinanza emessa all’udienza di discussione dell’8 giugno 2010 il Collegio aveva disposto l’integrazione del contraddittorio, a cura della ricorrente A.V. o A., nei confronti di A.L. (o A.), A.A. (o A.), A.F. (o A.), Am.An. (o A.) e A.M. (o A.), quali eredi di A.A. (o A.) nel termine di 90 gg. dalla pronuncia dell’ordinanza;

dall’attestazione della cancelleria della seconda Sezione civile del 6/12/2010 è risultato che l’integrazione del contraddittorio non è stata effettuata nei termini prescritti;

pertanto il ricorso proposto avverso la sentenza della Corte di appello di Salerno dep. il 12 giugno 2007 va dichiarato inammissibile ex art. 331 cod. proc. civ.;

le spese della presente fase seguono la soccombenza e vanno liquidate a favore del resistente costituito D.R.F..

P.Q.M.

dichiara il ricorso inammissibile. Condanna la ricorrente al pagamento in favore del resistente costituito D.R.F. delle spese relative alla presente fase che liquida in euro 3.200,00 di cui Euro 200,00 per esborsi ed Euro 3.000,00 per onorari di avvocato oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 28 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 6 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA