Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14870 del 20/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 20/07/2016, (ud. 15/06/2016, dep. 20/07/2016), n.14870

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. CIGNA Mario – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – rel. Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8595-2012 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

STUDIO ASSOCIATO T. – N. – V.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 44/2/2011 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della BASILICATA, depositata il 21/04/2011;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTA CRUCITTI.

Fatto

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Nella controversia avente origine dall’impugnazione da parte di N.E., rappresentante dello Studio Associato T. – N. – V. del silenzio rifiuto opposto all’istanza di rimborso dell’IRAP, versata per gli anni 2002 e 2003, la Commissione Tributaria Regionale della Basilicata, con la sentenza indicata in epigrafe, confermava la decisione di primo grado di accoglimento del ricorso, ritenendo che, nel caso in esame, non sussistessero i presupposti per la pretesa impositiva.

1.1. Avverso la sentenza l’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso su due motivi.

1.2. Il contribuente non ha svolto attivita’ difensiva.

1.3 A seguito di deposito di relazione ex art. 380 bis c.p.c. e’ stata fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio, con rituale comunicazione alla parte.

2.Con il primo motivo si deduce, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione del D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 2, comma 1 e dell’art. 3, comma 1, laddove il Giudice di appello aveva ritenuto che l’esercizio in forma associata di una professione liberale non costituisse di per se’ presupposto impositivo ai fini dell’IRAP. 2.1 Il ricorso e’ fondato. Sulla res controversa sono, di recente, intervenute le Sezioni Unite di questa Corte (sentenza n. 7371/16) le quali, risolvendo il contrasto giurisprudenziale, hanno statuito il seguente principio: “presupposto dell’imposta regionale sulle attivita’ produttive e’ l’esercizio abituale di un’attivita’ autonomamente organizzata diretta alla produzione di scambi e servizi; ma quando l’attivita’ e’ esercitata dalle societa’ e dagli enti che siano soggetti passivi dell’imposta a norma del D.Lgs. 15 dicembre 1977, n. 446, art. 3 – comprese quindi le societa’ semplici e le associazioni senza personalita’ giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e di professioni- essa, in quanto esercitata da tali soggetti, strutturalmente organizzati per la forma nella quale l’attivita’ e’ svolta, costituisce ex lege, in ogni caso presupposto di imposta, dovendosi percio’ escludere la necessita’ di ogni accertamento in ordine alla sussistenza dell’autonoma organizzazione”.

3.Ne consegue, in accoglimento del primo motivo di ricorso cd assorbito il secondo, avanzato in subordine, la cassazione della sentenza impugnata (che da tale principio si e’ discostata) e, non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, la decisione nel merito della controversia con il rigetto del ricorso introduttivo proposto dalla associazione contribuente.

4. La novita’ della soluzione del contrasto giurisprudenziale induce a compensare integralmente tra le parti le spese dei gradi di merito ed a dichiarare irripetibili quelle del presente giudizio.

PQM

La Corte, in accoglimento del primo motivo di ricorso, assorbito il secondo, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso introduttivo proposto dal contribuente.

Compensa integralmente tra le parti le spese dei gradi di merito e dichiara irripetibili quelle del giudizio di legittimita’.

Cosi’ deciso in Roma, il 15 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 20 luglio 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA