Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14803 del 19/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 19/07/2016, (ud. 19/05/2016, dep. 19/07/2016), n.14803

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ARMANO Uliana – Presidente –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 12716/2015 proposto da:

B.A., T.G., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA CRESCENZIO 20, presso lo studio dell’avvocato SAVERIO

COSI, che li rappresenta e difende, giusta procura ai margini del

ricorso;

– ricorrenti –

contro

ALLIANZ ASSICURAZIONI SPA;

– intimata –

avverso l’ordinanza n. 5410/2014 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il

06/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

19/05/2016 dal Consigliere Relatore Dott. DANILO SESTINI.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

E’ stata depositata la seguente relazione ex art. 380 bis c.p.c.:

“1. Con ordinanza pronunciata all’udienza del 6.11.2014, il Tribunale di Roma ha dichiarato inammissibile – ex artt. 348 bis e 340 ter c.p.c. – l’appello proposto da T.G. avverso la sentenza con cui il Giudice di Pace di Roma, nel rigettare l’opposizione esecutiva promossa dalla Allianz s.p.a. nei confronti della medesima Tralicci, aveva compensato le spese di lite.

2. Col ricorso per cassazione, la T. premette di voler impugnare l’ordinanza del Tribunale 6.11.2014 (in quanto “provvedimento… erroneo, ingiusto e pregiudizievole” che “pertanto deve essere riformato”) e, nell’illustrazione dell’unico motivo, svolge effettivamente le proprie censure in relazione al provvedimento del Tribunale, concludendo che “la pronuncia gravata, che “ha ritenuto non meritevole di accoglimento l’appello… deve ritenersi illegittima ed illogica”.

3. Il ricorso è inammissibile in quanto avrebbe dovuto essere proposto avverso la sentenza di primo grado e motivato in relazione ad essa, non ricorrendo alcuna delle condizioni – individuate da Cass., S.U. n. 1914/2016 – che consentono la ricorribilità per cassazione (per “vizi suoi propri”) dell’ordinanza di inammissibilità resa ex art. 348 ter c.p.c..

4. Per di più, si evidenzia -quale ulteriore ragione di inammissibilità – che il ricorso è tardivo in quanto notificato il 6.5.2015 e, quindi, ampiamente oltre il termine di sessanta giorni dalla pronuncia dell’ordinanza avvenuta all’udienza del 6.11.2014, costituente il dies a quo del termine previsto dall’art. 348 ter c.p.c., comma 3, atteso che l’ordinanza doveva intendersi conosciuta in udienza e non necessitava di comunicazione (ex art. 134 c.p.c., comma 2 e art. 176 c.p.c., comma 2).

5. Si propone pertanto la dichiarazione di inammissibilità del ricorso”.

A seguito della discussione del ricorso in Camera di consiglio, il Collegio ha condiviso i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione.

Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile.

Trattandosi di ricorso proposto successivamente al 30.1.2013, ricorrono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

la Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 19 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 19 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA