Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14715 del 13/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 13/06/2017, (ud. 02/03/2017, dep.13/06/2017),  n. 14715

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 4411/2016 proposto da:

R.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A. FARNESE

7, presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO BERLIRI che lo rappresenta

e difende unitamente all’avvocato MAURO BUSSANI;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3435/W2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di MILANO, depositata il 21/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 02/03/2017 dal Consigliere Dott. PAOLA VELLA.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

1. in fattispecie relativa ad accertamento a carico di R.A. di un maggior reddito da partecipazione D.P.R. n. 917 del 1986, ex art. 5, conseguente ad accertamento induttivo a carico della società Roma Tre s.n.c. di R.A. & C., il ricorrente deduce preliminarmente la nullità dei giudizi di primo e secondo grado, in quanto celebrati senza la partecipazione della società e dell’altro socio,;

2. l’amministrazione controricorrente eccepisce che comunque i giudizi relativi a società e soci si sono svolti in modo coordinato (Cass. S.U. 2907/10) e si sono conclusi con pronunce rese dalla stessa C.T.R. della Lombardia, sez. 19, in data 21/07/2015 (portanti i nn. 3431/15 e 3432/15) sicchè la loro riunione potrebbe sanare “il difetto di litisconsorzio necessario originario” (cfr. Cass. sez. 5, 673/15, 6936/11).

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

3. risulta già trasmesso alla Quinta sezione civile il ricorso avverso le parallele pronunce rese dal giudice d’appello (v. n. 26621/15 RG);

3. appare pertanto opportuna la rimessione alla predetta sezione ordinaria anche del presente ricorso, ai fini di una eventuale trattazione congiunta.

PQM

 

dispone rinvio a nuovo ruolo dinanzi alla Quinta sezione per trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 2 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 13 giugno 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA