Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14694 del 17/06/2010

Cassazione civile sez. trib., 17/06/2010, (ud. 13/05/2010, dep. 17/06/2010), n.14694

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. GIACALONE Giovanni – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Via dei Portoghesi n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

ME.CA.FIN. s.r.l., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Via F. Confalonieri n. 5, presso

l’avv. MANZI Luigi, che la rappresenta e difende unitamente all’avv.

Alfred Mulser, giusta delega in atti;

– controricorrente –

e nei confronti di:

EQUITALIA NOMOS s.p.a.;

– intimata –

avverso la sentenza della Commissione tributaria di secondo grado di

Trento n. 22/02/08, depositata il 24 luglio 2008.

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

13 maggio 2010 dal Relatore Cons. Dott. Biagio Virgilio;

udito l’avv. Carlo Albini (per delega dell’avv. Manzi) per la

controricorrente;

udito il P.M., in persona dell’Avvocato Generale Dott. IANNELLI

Domenico, il quale ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

La Corte:

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che, ai sensi dell’art. 380 bis cod. proc. civ., è stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

“1. L’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria di 2^ grado di Trento n. 22/02/08, depositata il 24 luglio 2008, con la quale, rigettando l’appello principale dell’Agenzia delle entrate, Ufficio di Trento, e quello incidentale della Equitalia Nomos s.p.a., concessionario della riscossione, è stata confermata l’illegittimità dell’intimazione di pagamento emessa nel 2006 nei confronti della Me.Ca.Fin s.r.l. a seguito di cartella esattoriale notificata nel 2001 a titolo di IRPEG. Resiste con controricorso la società contribuente, mentre non si è costituita la Equitalia Nomos.

2. Con l’unico motivo di ricorso, si denuncia la violazione della L. n. 289 del 2002, art. 12, formulando il quesito se ai fini del perfezionamento del beneficio condonale di cui alla L. n. 289 del 2002, art. 12, sia sufficiente il tempestivo pagamento della prima rata dell’importo dovuto in via agevolata (come ritenuto dalla Commissione tributaria di secondo grado di Trento nella sentenza impugnata), ovvero se sia necessario il tempestivo pagamento anche della seconda rata, a pena di decadenza dal beneficio medesimo.

3. Appare fondata l’eccezione di inammissibilità del ricorso sollevata dalla società controricorrente.

Come risulta, infatti, dalla sentenza impugnata e dallo stesso ricorso per cassazione, l’Agenzia delle entrate si era limitata, in primo grado, ad eccepire il proprio difetto di legittimazione passiva, e, dopo che la Commissione di primo grado aveva accolto il ricorso della contribuente nel merito, rigettando preliminarmente la predetta eccezione, l’Agenzia aveva proposto appello ribadendo esclusivamente il proprio difetto di legittimazione, laddove il concessionario aveva impugnato il capo della sentenza concernente il merito della controversia: ne consegue che per l’odierna ricorrente è ormai preclusa la possibilità di proporre in questa sede un motivo di impugnazione in ordine al quale non aveva formulato in appello alcuna doglianza.

4. Pertanto, si ritiene che il ricorso possa essere deciso in camera di consiglio, in quanto inammissibile”;

che la relazione è stata comunicata al Pubblico Ministero e notificata agli avvocati delle parti;

che non sono state presentate conclusioni scritte da parte del P.M., mentre ha depositato memoria la controricorrente.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

Che il Collegio, a seguito della discussione in Camera di consiglio, condivide i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione e, pertanto, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile;

che la ricorrente va conseguentemente condannata alla rifusione delle spese del presente giudizio di legittimità in favore della controricorrente, che si liquidano in dispositivo.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente alle spese del presente giudizio, che liquida in Euro 3500,00, di cui Euro 3300,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 13 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 17 giugno 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA