Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14664 del 17/06/2010

Cassazione civile sez. trib., 17/06/2010, (ud. 15/04/2010, dep. 17/06/2010), n.14664

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – rel. Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 750/2009 proposto da:

G.G.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE

DELLE MEDAGLIE D’ORO 176, presso lo studio dell’avvocato ZANCHETTI

Maurizio, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

GRAMACCIONI PASQUALE, giusta mandato allegato in atti;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (d’ora in poi detta “Agenzia” o “Ufficio” o

“Amministrazione”), in persona del Direttore generale pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende, ope

legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 111/2007 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di MILANO del 21/09/07, depositata il 13/11/2007;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

15/04/2010 dal Consigliere Relatore Dott. CAMILLA DI IASI;

è presente il P.G. in persona del Dott. EDUARDO VITTORIO

SCARDACCIONE.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. G.G.A. propone ricorso per cassazione nei confronti dell’Agenzia delle Entrate (che resiste con controricorso) e avverso la sentenza con la quale la C.T.R. Lombardia riformava la sentenza di primo grado (che aveva accolto il ricorso del contribuente avverso il diniego di condono) rilevando tra l’altro che il ricorso proposto avverso l’iscrizione a ruolo era stato respinto dalla C.T.P. con sentenza passata in giudicato e che non può considerarsi lite pendente L. n. 289 del 2002, ex art. 16, la controversia avente ad oggetto l’impugnazione della cartella di pagamento, conseguente ad avviso di accertamento divenuto definitivo.

1. Con un unico motivo, deducendo violazione e falsa applicazione della L. n. 289 del 2002, art. 16, il ricorrente sostiene che anche l’impugnazione della cartella di pagamento in cui si censurino le valutazioni dell’amministrazione nella determinazione delle sanzioni può costituire lite pendente ai sensi dell’art. 16 citato.

La censura è inammissibile sotto svariati profili, e innanzitutto per difetto di interesse.

La decisione impugnata è infatti sostenuta da due rationes decidendi concorrenti (definitività del ruolo per passaggio in giudicato della sentenza di rigetto del ricorso avverso di esso e non configurabilità della lite pendente in ipotesi di impugnazione della cartella emessa in seguito ad accertamento divenuto definitivo), ma il ricorso censura solo una di esse, con la conseguenza che, anche in caso di fondatezza della censura proposta, la sentenza resterebbe pur sempre sorretta dalla ratio decidendi non censurata.

Il ricorso deve essere pertanto dichiarato inammissibile, con condanna del ricorrente alle spese.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese che liquida in Euro 4.100,00 di cui Euro 3900,00 per onorari oltre spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 15 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 17 giugno 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA