Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14651 del 18/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. III, 18/07/2016, (ud. 15/04/2016, dep. 18/07/2016), n.14651

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMBROSIO Annamaria – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. CARLUCCIO Giuseppa – Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16315/2012 proposto da:

ISITAL SRL, in persona dell’Amministratore Unico p.t. Sig.

S.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE DI VILLA MASSIMO 39,

presso lo studio dell’avvocato ROBERTO ACCIVILE, rappresentata e

difesa dall’avvocato GIAMPAOLO RAIA giusta procura a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI COSENZA;

– intimata –

nonchè da:

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI COSENZA, in persona del legale

Presidente pro tempore, On.le O.G.M., elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA MALLADRA 47/B, presso lo studio

dell’avvocato MARIA ISABELLA EGEO, rappresentata e difesa dagli

avvocati GIOVANNI DE ROSE, RAFFAELE PRISCO giusta comparsa di

costituzione nuovo difensore;

– ricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 1237/2011 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 17/01/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

15/04/2016 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELESTE Alberto, che ha concluso per l’estinzione del ricorso per

rinuncia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Isital s.r.l. convenne in giudizio l’Amministrazione Provinciale di Cosenza per sentir accertare l’illegittimità del suo recesso da un contratto di locazione (di un immobile destinato a sede di istituto scolastico) comunicato dalla convenuta il 30.11.2006, con conseguente accertamento dell’avvenuta rinnovazione tacita del contratto.

La Provincia di Cosenza resistette alla domanda e richiese che venisse accertata la legittimità del recesso del 30.11.2006 o, in ipotesi, di altro recesso del 3.4.2007 o, in via ulteriormente gradata, che venisse dichiarata la cessazione della locazione alla data dell’1.6.2008, costituente la prima scadenza ordinaria successiva alla disdetta del 30.11.2006.

Il Tribunale di Cosenza affermò l’inefficacia del recesso, ma dichiarò cessata la locazione alla data dell’1.6.2008, compensando le spese di lite.

La Corte dì Appello di Catanzaro ha confermato la decisione, rigettando sia l’appello principale della Isital che quello incidentale della Provincia, e ha compensato le spese del grado.

Ha proposto ricorso per cassazione la Isital, affidandosi ad un unico motivo; ha resistito la Provincia dì Cosenza a mezzo di controricorso contenente ricorso incidentale basato su tre motivi.

In data 6.4.2016, il difensore della Isital ha depositato “atto di rinuncia al ricorso” sottoscritto dall’amministratore della società e dal difensore, recante in calce la sottoscrizione per adesione del vice presidente della Provincia di Cosenza e dei difensori della intimata.

2. A fronte della ritualità della rinuncia, il ricorso principale dev’essere dichiarato estinto.

3. Il ricorso incidentale – rispetto al quale manca un’espressa dichiarazione di rinuncia – va invece dichiarato inammissibile per sopravvenuto difetto di interesse atteso che dal testo dell’atto di rinuncia dell’Isital (che – come si è detto – è stato sottoscritto anche dal rappresentante della Provincia e dai difensori) emerge che la causa è stata transatta.

4. Le spese di lite vanno compensate.

PQM

la Corte dichiara l’estinzione del giudizio in relazione al ricorso principale e l’inammissibilità del ricorso incidentale.

Compensa le spese di lite.

Così deciso in Roma, il 15 aprile 2016.

Depositato in Cancelleria il 18 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA