Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14618 del 04/07/2011

Cassazione civile sez. lav., 04/07/2011, (ud. 10/05/2011, dep. 04/07/2011), n.14618

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. COLETTI DE CESARE Gabriella – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

Dott. CURZIO Pietro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 15769-2010 proposto da:

RETE FERROVIARIA ITALIANA SPA (OMISSIS), già Ferrovie dello

Stato, Società Trasporti e Servizi p. az., società con socio unico

soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Ferrovie dello

Stato Spa, in persona del suo legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, L. G. FARAVELLI 22, presso lo

studio dell’avvocato MARESCA ARTURO, che la rappresenta e difende,

giusta mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

I.M., P.G.A., S.G.,

PU.DA., F.E., C.F., B.

A., BA.GI., elettivamente domiciliati in ROMA,

VIALE SPARTACO 139, (presso l’avvocato GIAMPAOLO FILIPPO), presso lo

studio dell’avvocato LALLI SERGIO che li rappresenta e difende giusta

delega a margine del controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 849/2009 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE del

12/06/09, depositata il 16/06/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

10/05/2011 dal Consigliere Relatore Dott. CURZIO Pietro;

udito l’Avvocato Giannì Gaetano, (delega avvocato Marasca Arturo),

difensore del ricorrente che si riporta agli scritti ed insiste per

l’accoglimento del ricorso;

è presente il P.G. in persona del Dott. MASSIMO FEDELI che condivide

la relazione.

Fatto

RILEVATO

Che Rete ferroviaria italiana spa ha presentato un ricorso per la cassazione della sentenza della Corte d’appello di Firenze, pubblicata il giorno 16 giugno 2009, nei confronti di una pluralità di lavoratori, che si sono difesi con controricorso.

Rilevato che la questione posta con il ricorso è stata oggetto di un contrasto giurisprudenziale, risolto dalla Sezioni unite con la sentenza 23 settembre 2010, n. 20074.

Rilevato che tale sentenza ha affermato il seguente principio di diritto: “Il principio contenuto nel D.L. n. 726 del 1984, art. 3, convertito dalla L. n. 863 del 1984, art. 1, secondo il quale in caso di trasformazione del rapporto di formazione e lavoro in rapporto a tempo indeterminato, ovvero nel caso di assunzione a tempo indeterminato, con chiamata nominativa, entro dodici mesi dalla cessazione del rapporto di formazione e lavoro, il periodo di formazione e lavoro deve essere computato nell’anzianità di servizio, opera anche quando l’anzianità sia presa in considerazione da discipline contrattuali ai fini dell’attribuzione di emolumenti che hanno fondamento nella sola contrattazione collettiva, come nel caso degli aumenti periodici di anzianità di cui all’art. 7, lett. c), dell’accordo nazionale 11 aprile 1995, riprodotto nel successivo art. 7, lett. c), dell’accordo nazionale 27 novembre 2000, per i dipendenti di aziende di trasporto in concessione”.

Rilevato che l’affermazione di tale principio comporta il rigetto del ricorso per cassazione, poichè gli argomenti del ricorrente, illustrati anche con una memoria difensiva, non sono idonei a fondare un’ulteriore rimessione alle Sezioni unite, ai sensi dell’art. 374 c.p.c., comma 3.

Rilevato che il ricorso per cassazione venne notificato (notifica richiesta il 15 giugno 2010) quando ancora le Sezioni unite non si erano pronunciate, il che giustifica la compensazione delle spese dei giudizio di legittimità, per le stesse ragioni per le quali hanno disposto in tal senso le stesse Sezioni unite (sussistenza di un contrasto giurisprudenziale).

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 10 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA