Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14613 del 15/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 15/07/2016, (ud. 28/06/2016, dep. 15/07/2016), n.14613

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. CARACCIOLO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18566/2014 proposto da:

M.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIOVANNI

ANTONELLI 50, presso lo studio dell’avvocato MASSIMO POZZI, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato GIUSEPPE DELLA CASA

giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEl PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELIO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 112/18/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di BOLOGNA del 02/12/2013, depositata il 21/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPE CARACCIOLO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, ritenuto che, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., e’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

Il relatore cons. Giuseppe Caracciolo;

letti gli atti depositati;

osserva:

La CTR di Bologna ha respinto l’appello di M.M. – appello proposto contro la sentenza n.173/03/2012 della CTP di Forli’ che aveva gia’ respinto il ricorso della anzidetta contribuente- in causa concernente l’impugnazione di avviso di accertamento per IRPEF 2006, avviso adottato per recuperare a tassazione maggiori redditi da locazione di fabbricati accertati a mezzo di indagini conclusesi con l’adozione di PVC in data 7.11.2011, data rispetto alla quale la ricorrente aveva eccepito che non fosse stato concesso il termine dilatorio L. n. 212 del 2002, ex art. 12, per la comunicazione di osservazioni e richieste.

La predetta CTR ha motivato la decisione ritenendo che “l’approssimarsi della maturazione dei termini di decadenza dell’azione accertatrice costituiva una seria ragione per anticipare la notifica”. Cio’ posto, la CTR ha esaminato le questioni concernenti il merito della pretesa fiscale, ritenendone provati i presupposti di fatto.

La parte contribuente ha interposto ricorso per cassazione affidato a due motivi. L’Agenzia non si e’ difesa se non con atto volto a conservare la facolta’ di partecipazione all’udienza di discussione.

Il ricorso – ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., assegnato allo scrivente relatore, componente della sezione di cui all’art. 376 c.p.c. – puo’ essere definito ai sensi dell’art. 375 c.p.c..

Infatti, con il primo motivo di censura (centrato sulla violazione della L. n. 212 del 2000, art. 12, comma 7), la parte ricorrente si duole del fatto che la CTR abbia ritenuto che la violazione del termine dilatorio non abbia nella specie di causa comportato la nullita’ dell’atto impositivo, valorizzando la mera circostanza dell’approssimarsi della decadenza dell’azione di accertamento, che invece non puo’ mai configurare automaticamente un motivo utile a legittimare l’emanazione ante tempus degli avvisi di accertamento.

Detta doglianza e’ manifestamente fondata, siccome risulta coerente con il principio di diritto adottato da Cass. S.U. Sent. n. 18184 del 29 luglio 2013 secondo cui: “In tema di diritti e garanzie del contribuente sottoposto a verifiche fiscali, la L. 27 luglio 2000, n. 212, art. 12, comma 7, deve essere interpretato nel senso che l’inosservanza del termine dilatorio di sessanta giorni per l’emanazione dell’avviso di accertamento – termine decorrente dal rilascio al contribuente, nei cui confronti sia stato effettuato un accesso, un’ispezione o una verifica nei locali destinati all’esercizio dell’attivita’, della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni – determina di per se’, salvo che ricorrano specifiche ragioni di urgenza, la illegittimita’ dell’atto impositivo emesso ante tempus, poiche’ detto termine e’ posto a garanzia del pieno dispiegarsi del contraddittorio procedimentale, il quale costituisce primaria espressione dei principi, di derivazione costituzionale, di collaborazione e buona fede tra amministrazione e contribuente ed e’ diretto al migliore e piu’ efficace esercizio della potesta’ impositiva. Il vizio invalidante non consiste nella mera omessa enunciazione nell’atto dei motivi di urgenza che ne hanno determinato l’emissione anticipata, bensi’ nell’effettiva assenza di detto requisito (esonerativo dall’osservanza del termine), la cui ricorrenza, nella concreta fattispecie e all’epoca di tale emissione, deve essere provata dall’Ufficio”.

La pronuncia dianzi citata ha specificamente riferito “al contribuente e al rapporto tributario” i motivi di urgenza idonei a giustificare l’anticipazione dell’emanazione del provvedimento e la successiva giurisprudenza di legittimita’ ha poi precisato a questo riguardo che: “In materia di garanzie del contribuente sottoposto a verifiche fiscali, le ragioni di urgenza che, ove sussistenti e provate dall’Amministrazione finanziaria, consentono l’inosservanza del termine dilatorio di cui alla L. n. 212 del 2000, devono consistere in elementi di fatto che esulano dalla sfera dell’ente impositore e fuoriescono dalla sua diretta responsabilita’, sicche’ non possono in alcun modo essere individuate nell’imminente scadenza del termine decadenziale dell’azione accertativa”. (si veda, per tutte, Cass. Sez. 6 – 5, Ordinanza n. 22786 del 09/11/2015).

Ne consegue che il primo motivo puo’ essere accolto (con assorbimento del successivo), sicche’ il confliggente opinamento del giudice del merito giustifica la cassazione della pronuncia, con restituzione della lite al medesimo giudicante onde egli provveda (in ragione della corretta applicazione del diritto vivente) a fare un nuovo esame delle censure formulate con l’appello, anche a riguardo dell’idoneita’ della giustificazione espressa in atto di accertamento (circa la quale il giudicante non ha riferito in termini dettagliati) in ordine alle ragioni della anticipazione dell’adozione dell’atto rispetto al termine di legge.

Pertanto, si ritiene che il ricorso possa essere deciso in camera di consiglio per manifesta fondatezza.

Roma, 29 febbraio 2016;

ritenuto inoltre:

che la relazione e’ stata notificata agli avvocati delle parti;

che non sono state depositate conclusioni scritte, ne’ memorie;

che la parte ricorrente ha eluso l’onere di dare dimostrazione dell’avvenuta notifica alla parte intimata del ricorso introduttivo del presente giudizio, omettendo di depositare la ricevuta di ritorno della raccomandata utilizzata per la notifica postale;

che pertanto il ricorso deve essere dichiarato inammissibile;

che le spese di lite non necessitano di regolazione, atteso che la parte intimata non si e’ costituita.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Nulla sulle spese.

Così deciso in Roma, il 28 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 15 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA