Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1458 del 23/01/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 1458 Anno 2014
Presidente: MACIOCE LUIGI
Relatore: BISOGNI GIACINTO

Ud. 14/01/14
ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
Lusha

neri:Aria, domiciliata in

Roma,

presso

la

Cancelleria della Corte di CassAmí8nA, rappresentata e
difesa dall’avv. Antonio Grimaldi, per delega in calce
al ricorso;
– ricorrente nei confronti di
Prefettura di Napoli;
avverso il decreto del Giudice di pace di Napoli,
emesso il 3 marzo 2013, depositato il 5 marzo 2013, n.
R.G. 14/2013 sezione stranieri;

Rilevato che in data 21 novembre 2013 è stata
depositata relazione ex art. 380 bis che qui si
riporta:

Data pubblicazione: 23/01/2014

Rilevato che
1. Lusha Blertina ricorre avverso il decreto emesso
dal giudice di pace di Napoli il 3 marzo 2013 che
ha respinto l’impugnazione del decreto di
espulsione emesso il 9 gennaio 2013 dal Prefetto
di

Napoli

deducendo

violazione

e

falsa

286/1998 nel testo modificato dal D.L. n. 89/2011
convertito nella legge n. 129/2011.
2. Il ricorso non è stato notificato alla Prefettura
di Napoli, resistente nel giudizio svoltosi
davanti al Giudice di pace ed è stato sottoscritto
da difensore privo di procura.
Ritenuto che:
3. Per quanto esposto nel precedente punto il ricorso
sia inammissibile;
4. Sussistono pertanto i presupposti per la
trattazione della controversia in camera di
consiglio e, se l’impostazione della presente
relazione verrà condivisa dal Collegio, per la
dichiarazione di inammissibilità del ricorso.

La Corte condivide pienamente tale relazione e
pertanto il ricorso va dichiarato inammissibile. Non
sussistono i presupposti di cui all’art. 13 comma l
quater D.P.R. n. 115/2002 per il riconoscimento
dell’ulteriore importo del contributo.

2

applicazione degli artt. 13 e 14 del d.lgs. n.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il. ricorso.
Nulla sulle spese del giudizio di cassazione. Ai sensi
dell’art. 13 coma l quater D.P.R. n. 115/2002 la Corte
dà atto che non sussistono i presupposti per il

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del
14 gennaio 2014.

riconoscimento dell’ulteriore importo del contributo.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA