Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14579 del 04/07/2011

Cassazione civile sez. VI, 04/07/2011, (ud. 26/05/2011, dep. 04/07/2011), n.14579

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – rel. Consigliere –

Dott. PICCININNI Carlo – Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

S.S.P., elettivamente domiciliato in Roma, via

Giulia di Colloredo 46/48, presso l’avv. De Paola Gabriele, che lo

rappresenta e difende giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Economia e delle Finanze in persona del Ministro;

– intimato –

avverso il decreto della Corte d’appello di Cagliari emesso nel

procedimento n. 680/09 del 4.5.2010;

Udita la relazione della causa svolta nell’udienza del 26.5.2011 dal

Relatore Cons. Carlo Piccininni;

E’ presente il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale

Dott. PRATIS Pierfelice.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il relatore designato ai sensi dell’art. 377 c.p.c. osservava quanto segue: ” S.S.P. ha proposto ricorso per regolamento di competenza, cui non ha resistito l’intimato, avverso il decreto della Corte di appello di Cagliari che, decidendo su ricorso proposto ai sensi della L. n. 89 del 2001 in relazione all’eccessiva durata di un giudizio davanti al Consiglio di Stato, aveva dichiarato la propria incompetenza territoriale, ravvisata viceversa in favore della Corte di Appello di Roma, città in cui sarebbe sorta e avrebbe dovuto essere eseguita l’obbligazione oggetto di giudizio.

Il S., richiamando recente giurisprudenza di questa Corte (C. 10/6306), indicava come competente la Corte di Appello di Perugia (o subordinatamente la Corte di Appello di Cagliari, secondo quanto sarebbe risultato dall’applicazione della precedente giurisprudenza), prospettazione (quella formulata in via principale) che va condivisa per le ragioni indicate nel richiamato provvedimento, alle quali si rinvia.

Ciò premesso, il relatore propone la trattazione del ricorso in Camera di Consiglio ritenendolo manifestamente fondato con riferimento alla indicazione della Corte di Appello di Perugia quale giudice competente per territorio”.

Tali rilievi, sui quali il Procuratore Generale non ha formulato conclusioni e le parti non hanno depositato memorie, sono condivisi dal Collegio.

Ne consegue che, in accoglimento del ricorso, va dichiarata la competenza della Corte di Appello di Perugia.

Il Ministero va infine condannato al pagamento delle spese processuali relative alla fase, liquidate in dispositivo.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa il decreto impugnato, dichiara la competenza della Corte di Perugia e condanna il Ministero dell’Economia al pagamento delle spese processuali di questa fase, che liquida in Euro 1.600, di cui Euro 100 per esborsi, oltre alle spese generali e agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 26 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 luglio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA