Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14568 del 09/07/2020

Cassazione civile sez. trib., 09/07/2020, (ud. 23/01/2020, dep. 09/07/2020), n.14568

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE MASI Oronzo – Presidente –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

Dott. LO SARDO Giuseppe – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

ricorso 13089-214 proposto da:

VILLA CATENA SPA, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PO 9, presso

lo studio dell’avvocato FRANCESCO NAPOLITANO, che lo rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI POLI, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A. FARNESE, 7

presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO BERLIERI, che lo rappresenta

e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 8/2014 ella COMM.TRIB.REG. di ROMA, depositata

il 07/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

23/01/2020 dal Consigliere Dott. MONDINI ANTONIO.

Fatto

PREMESSO

che:

1. la spa Villa Catena ricorreva per la cassazione della sentenza della commissione tributaria regionale del Lazio n. 8/2/2014 del 7 gennaio 2014, con la quale erano stati ritenuto legittimi gli avvisi di accertamento emessi dal Comune di Poli (Rm) per relativa ad un’area di proprietà di essa ricorrente;

2. il Comune resisteva con controricorso;

3. con atto depositato il 20 dicembre 2018, la ricorrente, deduceva di aver aderite alla procedura di definizione agevolata della lite ai sensi del D.L. n. 193 del 2016, art. 6 convertito dalla L. n. 225 del 2016 e di aver provveduto ad adempiere in modo tempestivo, come documentato dalle produzioni allegate al medesimo atto, al pagamento di quanto dovuto per il perfezionamento della procedura, e quindi chiedeva dichiararsi dichiararsi l’estinzione del giudizio per cessazione della materia del contenente;

4. la Corte, richiamato il D.L. n. 193 del 2016, art. 6, comma 2, rinviava la causa a nuovo ruolo per dar modo alla ricorrente di rinunciare al giudizio;

5. la ricorrente ha depositato la rinuncia;

6. va dichiarata l’estinzione del giudizio a spese compensale;

P.Q.M.

la Corte dichiara estinto il giudizio e compensa le spese.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 23 gennaio 2020.

Depositato in cancelleria il 9 luglio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA