Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14565 del 06/06/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 5 Num. 14565 Anno 2018
Presidente: LOCATELLI GIUSEPPE
Relatore: FEDERICI FRANCESCO

Data pubblicazione: 06/06/2018

ORDINANZA
sul ricorso 12189-2017 proposto da:
FIRS ITALIANA DI ASSICURAZIONI IN LCA, elettivamente
domiciliato in ROMA VIA LUCREZIO CARO 62, presso 10
studio dell’avvocato VALENTINO FEDELI, che lo
rappresenta e difende;
– ricorrente contro

2018
285

AGENZIA DELLE ENTRATE;
– intimata

avverso la sentenza n. 148E/2017 della CORTE SUPREMA
DI CASSAZIONE di ROMA, depositata il 20/01/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di

kJk\

consiglio

del

31/01/2018

dal

Consigliere

Dott.

FRANCESCO FEDERICI.

1
Rilevato che:
la FIRS Italiana di Assicurazioni – Compagnia di Assicurazioni e Riassicurazioni
s.p.a., in liquidazione coatta amministrativa, ha proposto ricorso per la correzione
della sentenza n. 1488 del 16 dicembre 2015, e_,messa dalla Corte Suprema di
cassazione e depositata il 20 gennaio 2017;
ha riferito che, a seguito di un contenzioso insorto con l’Agenzia delle Entrate
relativamente alla richiesta di rimborso di crediti tributari a titolo di IRPEG e ILOR per

legittimità limitatamente al riconosciuto rimborso -nei gradi di merito- dell’Ilor 1983 e
dell’Ilor 1987, insistendo sull’intervenuta prescrizione del diritto.
Con la sentenza avverso la quale ora si ricorre per correzione dell’errore materiale
la Corte aveva riconosciuto le ragioni della Agenzia, statuendo però in dispositivo il
rigetto del «ricorso introduttivo della contribuente>>.
Lamenta pertanto la istante l’errore materiale in cui è incorso il giudice di
legittimità statuendo sul rigetto dell’intero ricorso introduttivo, laddove
l’Amministrazione aveva adito la Corte sul solo rimborso Ilor relativo alle annualità
1983 e 1987. A tal fine ha pertanto richiesto la correzione dell’errore materiale.

Considerato che:
l’istanza può trovare accoglimento, poiché relativa ad una ipotesi di errore
materiale, prevista dall’art. 391 bis c.p.c.
Come infatti emerge dalla stessa sentenza, allegata in copia autentica con

attestazione di conformità all’originale (cfr. Cass., ord. n. 15238 del 2015), l’oggetto
del contendere in sede di legittimità era limitato all’Ilor relativa alle due annualità
1983 e 1987; la motivazione della sentenza verte solo su quel tributo. Pertanto
statuire in dispositivo il rigetto, nella sua integralità, del ricorso introduttivo del
contribuente, costituisce un inconfondibile errore materiale, alla cui correzione può
procedersi secondo quanto previsto dall’art. 391 bis e 287 c.p.c.

Considerato che
Il ricorso va pertanto accolto dovendosi provvedere alla correzione della sentenza
n. 1488 del 2017 così come specificato in dispositivo.

P.Q.M.
RGN 10189/2017
Fed ri0

gli anni dal 1983 al 1987, l’Amministrazione aveva fatto ricorso dinanzi al giudice di

2

La Corte in accoglimento dell’istanza, dispone la correzione del dispositivo della
sentenza n. 1488 del 2017, depositata dalla Corte di cassazione il 20 gennaio 2017,
nel senso che, laddove si legge «rigetta il ricorso introduttivo della contribuente»,
deve intendersi «rigetta I ricorso introduttivo della contribuente con riguardo
all’ILOR 1983 e all’ILOR 1987».

Così deciso in Roma, il giorno 31 gennaio 2018.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA