Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14519 del 09/06/2017

Cassazione civile, sez. VI, 09/06/2017, (ud. 11/04/2017, dep.09/06/2017),  n. 14519

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16594/2014 proposto da:

C.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA DEI

NAVIGATORI 9, presso lo studio dell’avvocato ERIKA MIRABELLA,

rappresentato e difeso dall’avvocato DIEGO MIRABELLA;

– ricorrente –

contro

M.C., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato ALESSIA

FALCONE;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1990/2013 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 05/12/2013;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata dell’11/04/2017 dal Consigliere Dott. FRANCESCO TERRUSI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

C.A. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza con la quale la corte d’appello di Catania, in controversia relativa alla separazione personale tra il C. e la moglie M.C., ha elevato a Euro 400,00 mensili il contributo di mantenimento per la figlia minore e ha imposto, al medesimo, di contribuire al pagamento delle spese di locazione della casa coniugale, mediante corresponsione, alla moglie, della somma mensile di Euro 150,00;

il ricorrente ha dedotto due motivi;

l’intimata ha replicato con controricorso e memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il primo motivo, che denunzia violazione degli artt. 147, 148, 155 c.c., artt. 2, 3, 29 e 30 Cost., art. 12 della Cedu e art. 9 della carta dei diritti fondamentali della Ue e comunque omesso esame di fatti decisivi e contraddittorietà della sentenza, è inammissibile perchè riflettente censure in fatto;

si lamenta invero che, ove anche il reddito del ricorrente fosse stato determinato in Euro 700,00 mensili, in base a quanto evidenziato dal teste Ca., la cui deposizione è stata richiamata dalla corte d’appello, la somma infine riconosciuta andrebbe ritenuta in contrasto coi principi di proporzionalità e di uguaglianza e col diritto dell’istante alla costituzione di una nuova famiglia;

è viceversa risolutivo osservare che la corte d’appello ha determinato l’ammontare del contributo ritenendo, in base a una serie complessiva di distinte circostanze, l’inattendibilità radicale dei dati reddituali dallo stesso dichiarati, e ha mentovato la deposizione testimoniale solo a corredo di un simile giudizio di inattendibilità; sicchè ha determinato l’ammontare della contribuzione con valutazione di pieno merito, a essa corte istituzionalmente rimessa;

il secondo motivo, che deduce la contraddittorietà della motivazione della sentenza per aver disposto la decorrenza dell’assegno con efficacia dalla data del ricorso in primo grado, è infondato dal momento che nessuna contraddittorietà si ravvisa dinanzi alla fissazione di tale decorrenza secondo il criterio di legge;

le spese seguono la soccombenza.

PQM

 

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida in Euro 3.100,00, di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre accessori e rimborso forfetario di spese generali nella percentuale di legge.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, su relazione del Cons. Terrusi (est.), il 11 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA