Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1447 del 18/01/2022

Cassazione civile sez. trib., 18/01/2022, (ud. 11/11/2021, dep. 18/01/2022), n.1447

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino L – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – rel. Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI NOCERA Maria Giuli – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Mar – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. 26449/2012 R.G. proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore,

domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso l’Avvocatura

generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

Lomellina Energia srl, in persona del legale rappresentante pro

tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Tonio Di Iacovo e

Delia Berto, in sostituzione dell’avv. Andrea Russo, con domicilio

eletto in Roma, via Castro Pretorio n. 122, presso lo studio dei

difensori;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 96/32/12, depositata il 6 giugno 2012.

Udita la relazione svolta nella pubblica udienza dell’11 novembre

2021 dal Consigliere Enrico Manzon;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

generale Giuseppe Locatelli, che ha concluso chiedendo l’estinzione

del giudizio ai sensi del D.L. n. 119 del 2018, ex art. 6.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con la sentenza impugnata la Commissione tributaria regionale della Lombardia accoglieva l’appello proposto da Lomellina Energia srl avverso la sentenza n. 7/03/11 della Commissione tributaria provinciale di Pavia che ne aveva respinto il ricorso contro l’avviso di accertamento IVA 2007.

Avverso la decisione ha proposto ricorso per cassazione l’Agenzia delle entrate deducendo un motivo unico.

Resiste con controricorso la società contribuente, la quale tuttavia nelle more del giudizio si e’, avvalsa della definizione agevolata di cui al D.L. n. 119 del 2018, art. 6, dapprima depositando istanza di sospensione del giudizio medesimo e successivamente documentazione attestante l’avvenuto adempimento degli oneri formali e sostanziali correlativi.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Bisogna rilevare che la società contribuente, nei termini rispettivamente previsti dal D.L. n. 119 del 2018, art. 6, commi 6-8-10, ha depositato istanza di sospensione del giudizio e documentazione attestante l’adempimento degli obblighi da dette disposizioni legislative previste (domanda di definizione agevolata e quietanza di pagamento del dovuto), desumendosi in particolare da quest’ultima che la procedura di definizione agevolata ha, esattamente, avuto riguardo all’atto impositivo oggetto di questo processo ((OMISSIS)).

Non essendo stato opposto diniego né presentata istanza di trattazione nei termini previsti dal D.L. n. 119 del 2018, art. 6, commi 12-13, (rispettivamente, 31 luglio e 31 dicembre 2020), il giudizio deve quindi dichiararsi estinto, rimanendo le spese a carico delle parti.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, il 11 novembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 18 gennaio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA