Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14418 del 09/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 09/06/2017, (ud. 10/05/2017, dep.09/06/2017),  n. 14418

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – rel. Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 27112-2010 proposto da:

M.A., elettivamente domiciliato in ROMA VIA LEVICO

9, presso lo studio dell’avvocato BENITO BENEVENTANO DELLA CORTE,

rappresentato e difeso dall’avvocato GIOVANNI VANADIA giusta delega

a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA;

– intimata –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DI CATANIA in persona del Direttore pro

tempore, MINISTERO ECONOMIA E FINANZE in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliati in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e

difende;

– resistenti con atto di costituzione –

avverso la sentenza n. 112/2010 della COMM.TRIB.REG.SEZ.DIST. di

CATANIA, depositata l’08/04/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/05/2017 dal Consigliere Dott. DANIELA CALAFIORE;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ZENO Immacolata, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

FATTI DI CAUSA

M.A., socio della M. di M.S. & c. s.a.s., propone tre motivi di ricorso per la cassazione della sentenza n. 112/18/10 del 18 marzo 2010 con la quale la commissione tributaria regionale di Palermo Sez. Staccata di Catania, rigettando sia l’appello principale proposto dai contribuenti che quello incidentale proposto dall’Agenzia delle Entrate Ufficio di Caltagirone, ha confermato l’importo del reddito di partecipazione nel 25 per cento del reddito imponibile della società determinato in primo grado in Euro 151.982, posto che tale reddito era stato rettificato dall’Ufficio da Euro 15.982,00 ad Euro 289.667; ciò in relazione alla circostanza, ritenuta corretta, che il prezzo degli agrumi acquistati a peso non può essere conforme al prezzo degli agrumi acquistati a corpo sugli alberi. L’agenzia delle entrate ha depositato procura.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il ricorso, proposto avverso sentenza pubblicata successivamente alla data del 4 luglio 2009, pur risultando articolato in motivi che si concludono con quesiti, non è soggetto alla disciplina di cui all’art. 366 bis c.p.c. (L. n. 69 del 2009, art. 58, comma 5 ed art. 47 che ha abrogato l’art. 366 bis c.p.c.).

2. Con il primo motivo di ricorso si lamenta – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 – omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio riferendosi quasi esclusivamente all’avviso di accertamento impugnato.

3. Con il secondo motivo il ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4, riferendosi al vizio di nullità della sentenza impugnata per essere stata omessa l’indicazione delle ragioni di diritto poste a sostegno della decisione attraverso il mero rinvio apodittico all’operato dei primi giudici.

4. Con il terzo motivo il ricorrente deduce, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione dell’art. 2313 c.c. in relazione alla circostanza che gli avvisi di accertamento sarebbero stati irritualmente notificati alla società ed ai singoli soci e non alla sola società ed al socio accomandatario.

5. Deve d’ufficio, dichiararsi la nullità dell’intero processo per violazione della regola del contraddittorio. Invero, la giurisprudenza di questo giudice di legittimità, a partire dall’arresto delle Sezioni Unite n. 14815 del 2008, ha ritenuto che l’unitarietà dell’accertamento alla base della rettifica delle dichiarazioni dei redditi delle società di persone e dei soci delle stesse e la conseguente automatica imputazione dei redditi a ciascun socio, proporzionalmente alla quota di partecipazione agli utili ed indipendentemente dalla percezione degli stessi, comporta che il ricorso tributario proposto, anche avverso un solo avviso di rettifica, da uno dei soci o dalla società riguarda inscindibilmente sia la società che tutti i soci – salvo il caso in cui questi prospettino questioni personali -, sicchè tutti questi soggetti devono essere parte dello stesso procedimento e la controversia non può essere decisa limitatamente ad alcuni soltanto di essi, non avendo infatti siffatta controversia ad oggetto una singola posizione debitoria del o dei ricorrenti, bensì gli elementi comuni della fattispecie costitutiva dell’obbligazione dedotta nell’atto autoritativo impugnato, con conseguente configurabilità di un caso di litisconsorzio necessario originario e relativa necessità di integrazione, essendo il giudizio celebrato senza la partecipazione di tutti i litisconsorzi necessari affetto da nullità assoluta, rilevabile in ogni stato e grado del procedimento, anche di ufficio.

6. E’ vero che questa Corte di cassazione (vd. Cass. 25300/2014; 13073/2012) ha ripetutamente avuto modo di affermare che nel processo di cassazione, in presenza di cause decise separatamente nel merito e relative, rispettivamente, alla rettifica del reddito di una società di persone ed alla conseguente automatica imputazione dei redditi stessi a ciascun socio, non va dichiarata la nullità per essere stati i giudizi celebrati senza la partecipazione di tutti i litisconsorti necessari (società e soci) in violazione del principio del contraddittorio, ma va disposta la riunione quando la complessiva fattispecie, oltre che dalla piena consapevolezza di ciascuna parte processuale dell’esistenza e del contenuto dell’atto impositivo notificato alle altre parti e delle difese processuali svolte dalle stesse, sia caratterizzata da: (1) identità oggettiva quanto a “causa petendi” dei ricorsi; (2) simultanea proposizione degli stessi avverso il sostanzialmente unitario avviso di accertamento costituente il fondamento della rettifica delle dichiarazioni sia della società che di tutti i suoi soci e, quindi, identità di difese; (3) simultanea trattazione degli afferenti processi innanzi ad entrambi i giudici del merito; (4) identità sostanziale delle decisioni adottate da tali giudici.

7. In tal caso, secondo la giurisprudenza in esame, la ricomposizione dell’unicità della causa attua il diritto fondamentale ad una ragionevole durata del processo (derivante dall’art. 111 Cost., comma 2, e dagli artt. 6 e 13 della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali), evitando che con la (altrimenti necessaria) declaratoria di nullità ed il conseguente rinvio al giudice di merito, si determini un inutile dispendio di energie processuali per conseguire l’osservanza di formalità superflue, perchè non giustificate dalla necessità di salvaguardare il rispetto effettivo del principio del contraddittorio (v. ex plurimis, Cass. n. 3830/2010).

8. Tuttavia nella specie non ricorrono le condizioni sopra enucleate in quanto dagli atti (anche relativi alle controversie dei soci, fissate e trattate in questa medesima udienza) non risulta la proposizione della causa da parte della società ma, con separato ricorso rispetto a quelli individualmente proposti, solo da parte dei medesimi soci cumulativamente.

9. Ne consegue che l’accertato difetto del simultaneus processus nei gradi di merito, peraltro rilevabile d’ufficio da questo giudice, comporta la nullità della sentenza impugnata e dell’intero processo. I motivi proposti restano, dunque, assorbiti e la sentenza impugnata deve essere cassata con rinvio alla C.T.P. di Catania, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

 

La Corte, decidendo sul ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione Tributaria Provinciale di Catania in diversa composizione che provvederà anche sulle spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Quinta Sezione Civile, il 10 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA