Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14408 del 25/05/2021

Cassazione civile sez. III, 25/05/2021, (ud. 13/01/2021, dep. 25/05/2021), n.14408

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –

Dott. DI FLORIO Antonella – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 36823/2019 proposto da:

M.S., elettivamente domiciliato in Campobasso, via Mazzini,

112, presso l’avv. ENNIO CERIO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, COMMISSIONE TERRITORIALE RICONOSCIMENTO

PROTEZIONE INTERNAZIONALE, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende;

– resistente –

avverso la sentenza n. 3305/2019 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 07/08/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

13/01/2021 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE CRICENTI.

 

Fatto

RITENUTO

Che:

1.- Il ricorrente M.S. è cittadino pakistano. Ha raccontato di essere fuggito dal Pakistan poichè, lavorando come facchino in un negozio di ventilatori, ha scoperto che i pacchi che trasportava contenevano armi e droga.

Impugna la decisione della corte di appello che ha rigettato l’appello avverso quella del Tribunale che, a sua volta, aveva respinto la richiesta di protezione internazionale.

2. – La decisione della corte di appello ha ritenuto infondata l’impugnazione in quanto priva di deduzioni nel merito, ossia in quanto limitata a contestare i vizi formali del provvedimento amministrativo della Commissione, senza alcuna argomentazione quanto alla protezione internazionale richiesta.

M. propone un motivo di ricorso. Non v’è controricorso del Ministero.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

3.- Con l’unico motivo di ricorso si deduce violazione della L. n. 251 del 2007, art. 2, nonchè violazione dell’art. 5 TUI.

Secondo il ricorrente la corte ha errato nel ritenere privo di specificità l’appello, in quanto in materia di protezione internazionale l’onere di argomentazione è attenuato; ossia: sussiste un onere di allegazione ed, in una certa misura, di prova, ed è sufficiente che entrambi vengano rispettati; una volta che il ricorrente però abbia allegato i fatti, la loro qualificazione compete alla corte, che peraltro può riconoscere una forma di protezione anche se non espressamente richiesta, e che comunque ha un obbligo di valutare d’ufficio la fondatezza della domanda, solo che sia rispettato l’onere di allegazione rispetto ad essa.

Ciò in quanto l’impugnazione della decisione amministrativa è devolutiva e quindi investe comunque la corte del merito della protezione.

Il motivo è infondato.

Esso non coglie la ratio della decisione impugnata: la corte ha ritenuto che il ricorso non conteneva alcuna censura di merito, nè alcuna domanda in merito alla richiesta di protezione internazionale. Cosi che, pur se si ammette che l’impugnazione è devolutiva, deve pur sempre contenere qualcosa da devolvere.

Nella fattispecie, la corte ha ritenuto che il petitum di primo grado non ha investito i temi di merito (p. 3), essendosi il ricorrente limitato a contestare i vizi formali dell’atto amministrativo.

Dunque, resta evidente che il giudice di merito non può pronunciare sulla richiesta di protezione se non è fatta domanda in tal senso, che è cosa diversa dalla allegazione a sostegno della domanda medesima.

P.Q.M.

La corte rigetta il ricorso. Nulla spese. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, la Corte dà atto che il tenore del dispositivo è tale da giustificare il pagamento, se dovuto e nella misura dovuta, da parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, il 13 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 25 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA