Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14401 del 09/06/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 09/06/2017, (ud. 28/04/2017, dep.09/06/2017),  n. 14401

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI IASI Camilla – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – rel. Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – Consigliere –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9259-2013 proposto da:

HOTEL GIARDINETTO G.A.D.B., elettivamente

domiciliato in ROMA VIA FANTINO TAGLIETTI 33, presso lo studio

dell’avvocato LORENA RAIMONDI, rappresentato e difeso dall’avvocato

MARIA CRISTINA OTTAVIANONI;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI LORETO, domiciliato in ROMA PIAZZA CAVOUR presso la

cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’Avvocato FRANCO CARILE (avviso postale ex art. 135);

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 4/2012 della COMM.TRIB.REG. di ANCONA,

depositata il 20/01/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/04/2017 dal Consigliere Dott. ORONZO DE MASI.

Fatto

RILEVATO

che la Hotel Giardinetto G.A. di B.G. & C. s.a.s. propone ricorso, affidato a due motivi, per la cassazione della sentenza n. 4/4/12, depositata il 20/1/2012, della Commissione Tributaria Regionale delle Marche, che ha respinto l’appello proposto avverso la decisione di primo grado di rigetto del ricorso della contribuente avente ad oggetto l’impugnazione degli avvisi di liquidazione, notificati dal Comune di Loreto il 7/12/2006, per il recupero della maggiore imposta comunale sugli immobili (ICI) per l’anno 2004, oltre interessi e sanzioni, emesso a seguito dell’attribuzione da parte dell’Ufficio del territorio il 12/12/1998, della rendita catastale, risultata superiore a quella presunta in base alla quale era stata pagata l’imposta;

che il Giudice di appello, in particolare, osservava come la dedotta necessità della preventiva pubblicazione della rendita nell’Albo pretorio fosse adempimento da ritenersi superato essendo applicabile nella fattispecie la L. n. 342 del 2000, art. 74, comma 3, trattandosi di rendita adottata prima del 32 dicembre 1999 e di atti impositivi notificati dopo il 1 gennaio 2000;

L’ intimato Comune resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che, con il primo motivo la ricorrente deduce, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, omessa, insufficiente e/o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, non avendo la CTR rilevato che la mancata pubblicazione della rendita catastale attribuita all’immobile posseduto dalla società, circostanza pacifica, riverbera le sue conseguenze sulla concreta possibilità per la contribuente di avere compiuta conoscenza della obbligazione tributaria, anche in considerazione della carenza di motivazione dell’atto di accertamento;

che con il secondo motivo deduce, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, omessa, insufficiente e/o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, avendo la CTR fatto erronea applicazione del D.Lgs. n. 504 del 1992, artt. 5 e 11 e della L. n. 342 del 2000, art. 74, e ritenuto che il Comune potesse liquidare la maggiore imposta anche per le annualità precedenti, entro il termine di decadenza, sia pure senza addebito di interessi e sanzioni, essendo la rendita attribuita dall’Agenzia del Territorio inefficace prima della notificazione degli impugnati avvisi di liquidazione;

che le censure, scrutinabili congiuntamente, sono infondate e non meritano accoglimento;

che, anzitutto, va richiamato il principio, espresso da questa Corte con la sentenza n. 10574/2010, secondo cui “la l. 21 novembre 2000, n. 342, art. 74, comma 3, nell’attribuire alla notificazione dell’atto impositivo fondato su atti, adottati entro il 31 dicembre 1999, comportanti l’attribuzione o la modificazione della rendita, valore di notificazione della rendita stessa, non richiede che l’atto impositivo contenga in ogni caso la motivazione sui presupposti e sui criteri di stima seguiti dall’Agenzia del Territorio, configurandosi tale obbligo solo quando deve procedersi alla stima diretta dell’immobile (come nel caso di attribuzione di rendita a fabbricati con destinazione speciale o particolare) e non quando si tratta di semplice variazione di classamento, comportante la sola applicazione all’immobile di valori determinati per legge o per regolamento in relazione al tipo ed alla consistenza del fabbricato. Ne consegue che l’atto di liquidazione il quale riporti i dati di classificazione dell’immobile con la classe, la consistenza e la rendita attribuita in relazione a tali elementi, è sufficiente a consentire al contribuente che individui un errore di classificazione concernente il proprio immobile, o che ritenga non sussistere i requisiti per la variazione catastale, di effettuare l’impugnazione della rendita, aprendo un contenzioso specifico con la Agenzia del Territorio anche sulla base del semplice raffronto di tali dati con quelli su cui in precedenza era stata applicata la imposta”;

che va inoltre richiamato il disposto della L. n. 342 del 2000, menzionato art. 74 a mente del cui comma 1, “a decorrere dal 1 gennaio 2000, gli atti comunque attributivi o modificativi delle rendite catastali per terreni e fabbricati sono efficaci solo a decorrere dalla loro notificazione, a cura dell’ufficio del territorio competente, ai soggetti intestatari della partita” – sicchè la necessità (sostenuta dalla contribuente) della notificazione degli “atti comunque attributivi o modificativi delle rendite catastali per terreni e fabbricati” costituisce condizione di efficacia degli stessi solo dalla data indicata nella norma giacchè per gli atti comportanti attribuzione di rendita adottati entro il 31 dicembre 1999 il Comune può legittimamente richiedere l’ICI dovuta in base al classamento, che ha effetto dalla data di adozione e non da quella di notificazione;

che, infatti, il legislatore con il citato art. 74 stabilendo che da tale giorno gli atti attributivi o modificativi delle rendite catastali sono efficaci solo a decorrere dalla loro notificazione, invero (Cass., trib., 26 ottobre 2005 n. 20775), non ha affatto voluto restringere il potere di accertamento tributario al periodo successivo alla notificazione del classamento ma, piuttosto, ha inteso segnare il momento a partire dal quale l’amministrazione comunale può richiedere l’applicazione della nuova rendita ed il contribuente può tutelare le sue ragioni contro di essa, non potendosi confondere l’efficacia della modifica della rendita catastale, coincidente con la notificazione dell’atto, con la sua applicabilità, che va riferita invece all’epoca della variazione materiale che ha portato alla modifica, stante la natura dichiarativa e non costitutiva dell’atto attributivo della rendita (Cass. S.U. n. 3160/2011; Cass. n. 18056/2016; n. 1232072016; n. 12753/2014; n. 16031/2009; n. 9203/2007);

che, in particolare, la L. n. 342 del 2000, art. 74, comma 3, va interpretato nel senso che qualora – come nella fattispecie in esame – la rendita catastale sia stata attribuita entro il 31 dicembre 1999 e l’atto impositivo che la recepisce sia stato notificato successivamente alla data di entrata in vigore della citata L. n. 342 del 2000 (10 dicembre 2000), soltanto con tale notificazione il contribuente acquisisce piena conoscenza di detta attribuzione (laddove, fino al 31 dicembre 1999, era sufficiente l’affissione all’Albo pretorio), con la conseguenza che dalla data della notificazione medesima il contribuente è legittimato a proporre impugnazione non solo avverso la determinazione del tributo, ma anche nei confronti della determinazione della rendita (Cass. n. 2952/2010; n. 10801/2010; n. 5373/2009);

che, in conclusione, avuto riguardo al regime degli atti comportanti attribuzione di rendita adottati entro il 31 dicembre 1999, il Comune poteva calcolare legittimamente l’imposta in base alla nuova rendita, anche in mancanza di previa notificazione di questa, e l’ICI dovuta per anni precedenti la notificazione dell’atto impositivo (19/11/2000), nel caso di specie, è stata correttamente commisurata dal Comune di Loreto alla rendita catastale attribuita dal competente Ufficio, anche se non preventivamente notificata, non essendo pertinente il riferimento all’omessa affissione all’Albo pretorio, adempimento richiesto fino al 31 dicembre 1999;

che le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

PQM

 

La Corte, rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, liquidate in Euro 2.300,00, oltre rimborso spese forfettarie nella misura del 15 per cento ed accessori di legge.

Ai sensi del testo unico approvato con il D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, introdotto dalla l. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilità 2013), dà atto della sussistenza dei presupposti per il pagamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 28 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 9 giugno 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA