Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14394 del 14/07/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. III, 14/07/2016, (ud. 06/05/2016, dep. 14/07/2016), n.14394

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ARMANO Uliana – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 24972/2013 proposto da:

P.F., (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

P.ZA COLA DI RIENZO 92, presso lo studio dell’avvocato ELISABETTA

NARDONE, rappresentato e difeso dall’avvocato GIUSEPPE RUSSO giusta

procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

INA ASSITALIA SPA, (OMISSIS);

– intimata –

nonche’ da:

INA ASSITALIA SPA (OMISSIS), in persona dell’Avv. M.M.,

elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVUOR 17, presso lo

studio dell’avvocato MICHELE ROMA, che la rappresenta e difende

giusta procura in calce al controricorso e ricorso incidentale;

– ricorrente incidentale –

contro

P.F. (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 399/2013 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 16/05/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/05/2016 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI;

udito l’Avvocato MICHELE ROMA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELESTE Alberto, che ha concluso per l’accoglimento del I motivo del

ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, rilevato che:

– col primo motivo di ricorso, il P. ha dedotto la “violazione e/o falsa applicazione dell’art. 437 c.p.c.” assumendo che la causa – soggetta al rito locatizio – non era stata decisa mediante lettura del dispositivo all’udienza fissata per la discussione e precisando che, in tale udienza, il collegio si era limitato ad assumere una “riserva” che era stata “sciolta, dopo oltre sei mesi, con l’inaspettato deposito il 16.5.2013 – della sentenza di cui trattasi, recante la data del 26.2.2013”; ha aggiunto che diversamente da quanto indicato in sentenza – non erano stati concessi neppure i termini di cui all’art. 190 c.p.c. (ancorche’ previsti solo per il rito ordinario);

– sussiste la necessita’ di verificare ex actis le modalita’ con cui la causa e’ stata trattata e decisa;

– deve pertanto richiedersi al giudice a quo la trasmissione del fascicolo d’ufficio.

PQM

rinvia la causa a nuovo ruolo, mandando alla Cancelleria di richiedere alla Corte di Appello di Lecce di trasmettere l’intero fascicolo d’ufficio relativo alla controversia civile vertente tra P.F. e INA Assitalia s.p.a., iscritta al n. 839 del Ruolo Generale dell’anno 2012 e definita con sentenza n. 399/13.

Cosi’ deciso in Roma, il 6 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 14 luglio 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA