Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14393 del 15/06/2010

Cassazione civile sez. trib., 15/06/2010, (ud. 11/03/2010, dep. 15/06/2010), n.14393

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. BOGNANNI Salvatore – Consigliere –

Dott. PERSICO Mariaida – Consigliere –

Dott. MARIGLIANO Eugenia – Consigliere –

Dott. MELONCELLI Achille – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso rgn. 10869/2005 proposto da:

signora D.D.N., di seguito anche “Contribuente”,

rappresentata e difesa dall’avv. Della Rocca Sergio ed elettivamente

domiciliata presso l’avv. Gabriele Giovannmi in Piazza Martiri di

Belfiore n. 2, Roma;

– ricorrente –

contro

l’Agenzia delle entrate, di seguito “Agenzia”;

– intimata –

avverso la revoca, adottata il 18 febbraio 2005, prot. n. 4546, del

provvedimento di autotutela 23 dicembre 2004, n. 36481;

Udita la relazione sulla causa svolta nell’udienza pubblica dell’11

marzo 2010 dal Cons. Dr. Achille Meloncelli;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale SEPE

Ennio Attilio, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

Considerato:

a) che il 22 aprile 2005 è notificato all’Agenzia un ricorso della Contribuente per l’annullamento della revoca n. 4546, adottata il 18 febbraio 2005 e notificata il 21 febbraio 2005, del provvedimento di autotutela 23 dicembre 2004, n. 36481;

b) che la Contribuente ha presentato, il 22 novembre 2002, ricorso per cassazione contro una sentenza della CTR dell’Aquila in tema di accertamento 1991 (avviso di accertamento mod. 740 – (OMISSIS));

c) che il 5 maggio 2004 la Contribuente ha fatto domanda di condono, dopo aver pagato, il 16 aprile 2004, la prima rata del dovuto;

d) che il 15 giugno 2004 l’Agenzia ha notificato alla Contribuente il diniego di condono, che è stata da lei impugnato il 3 settembre 2004;

e) che su istanza di autotutela del 12 ottobre 2004 presentata dalla Contribuente e su suo interpello del 4 novembre 2004, l’Agenzia ha adottato, il 23 dicembre 2004, l’annullamento del diniego di condono;

f) che il 21 febbraio 2005 l’Agenzia notifica la revoca dell’annullamento del 23 dicembre 2004;

g) che tale revoca è ora impugnata dalla Contribuente con ricorso per cassazione, sostenuto con un solo motivo, con il quale si fa valere il difetto di motivazione dell’atto impugnato;

h) che il motivo è fondato, perchè l’atto impugnato, dopo aver elencato nella sua giustificazione, i presupposti di fatto, contiene un dispositivo così formulato: “la revoca del provvedimento di autotutela del 23-12-2004 n. 36481, che aveva posto nel nulla i dinieghi della definizione della lite pendente relativi alla istanza n. 24/2004, prodotta ai sensi della L. n. 289 del 2002, art. 16 per l’accertamento dell’anno 1991, notificati il 17-6-2004 ed il 27-10- 2004. Tali dinieghi vanno invece confermati in quanto legittimi e conformi alle disposizioni di leggi presenti in materia”, donde si desume che l’atto è privo di qualsiasi motivazione;

i) che, conseguentemente, il ricorso dev’essere accolto e l’atto impugnato dev’essere annullato;

j) le spese seguono la soccombenza e sono liquidate nella misura indicata nel dispositivo.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso, annulla l’atto impugnato e condanna l’Agenzia al pagamento delle spese processuali relative al giudizio di cassazione per Euro 950,00 (novecento e cinquanta), oltre agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 11 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 15 giugno 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA