Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14389 del 30/06/2011

Cassazione civile sez. trib., 30/06/2011, (ud. 26/05/2011, dep. 30/06/2011), n.14389

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – rel. Presidente –

Dott. BOGNANNI Salvatore – Consigliere –

Dott. BERNARDI Sergio – Consigliere –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. FERRARA Ettore – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

COMUNE DI GRAGNANO, in persona del sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliata in Roma, via della Camilluccia n. 341 int. 7/C, presso lo

studio dell’avv. Domenico Pio Riitano, rappresentato e difeso

dall’avv. Caggiano Marco;

– ricorrente –

contro

C.A.;

– intimato –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Campania, sez. 11^, n. 186 del 10 novembre 2005;

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

26.5.2011 dal consigliere relatore dott. Aurelio Cappabianca;

udito, per il Comune ricorrente, l’avv. Gaggiano Marco;

udito il P.M., in persona del sostituto procuratore generale dott.

BASILE Tommaso che ha concluso per la declaratoria dell’estinzione

del giudizio.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il contribuente propose ricorso avverso avvisi di accertamento t.a.r.s.u. per gli anni dal 1996 al 2001.

L’adita commissione tributaria accolse il ricorso, con sentenza confermata, in esito all’appello del Comune, dalla commissione regionale.

Avverso la sentenza di appello, il Comune ha proposto ricorso per cassazione in sei motivi.

Il contribuente non si è costituito.

Il collegio ha disposto la redazione della motivazione in forma sintetica.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con memoria ex art. 378 del 18.5.2011, il Comune di Gragnano ha prodotto “atto di transazione” 25.7.2008, in cui si da atto della comune determinazione delle parti di abbandonare la controversia a spese compensate.

Atteso che – alla luce di quanto emerge dall’indicata produzione (ammissibile ex art. 372 c.p.c., comma 2), risulta venuto meno l’interesse dell’ente ricorrente alla prosecuzione del giudizio per intervenuta cessazione della materia del contendere (v. Cass. 13565/05, 11176/04, 1205/03) – s’impone l’adozione della correlativa declaratoria;

Per la natura della controversia e la volontà espressa dalle parti in sede di transazione, si ravvisano le condizioni per disporre la compensazione delle spese del giudizio.

P.Q.M.

la Corte dichiara inammissibile il ricorso per sopravvenuta carenza di interesse; compensa le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 26 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA