Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14369 del 30/06/2011

Cassazione civile sez. trib., 30/06/2011, (ud. 05/04/2011, dep. 30/06/2011), n.14369

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Consigliere –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – rel. Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna Concetta – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

P.S.;

– intimato –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Lazio, sez. 21, n. 60 del 15 giugno 2005.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

5.4.2011 dal consigliere relatore Dott. Aurelio Cappabianca;

constatata la regolarità degli avvisi ex art. 377 c.p.c., comma 2;

udito il P.M., in persona del sostituto procuratore generale Dott.

FEDELI Massimo, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il contribuente propose ricorso avverso avvisi irrogazioni sanzioni i.v.a. per l’anno 1988.

L’adita commissione tributaria dichiarò estinto il giudizio, sul presupposto dell’estinzione delle sanzioni irrogate D.P.R. n. 633 del 1972, ex art. 44, in forza della previsione di cui al D.Lgs. n. 471 del 1997, art. 16; l’appello successivamente promosso dall’Agenzia – che invocava, tra l’altro, la rimessione della causa alla commissione provinciale non essendosi il contribuente avvalso di assistenza tecnica – fu respinto dalla commissione regionale.

Avverso la decisione di appello, l’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per cassazione in tre motivi.

Il contribuente non si è costituito.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

L’Agenzia deduce: a) violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 12, sul presupposto che, nei gradi di merito, il contribuente non era stato assistito da difensore tecnico; b) omessa motivazione su motivo di appello, con il quale aveva lamentato ultrapetizione; c) violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 471 del 1997, art. 13 e del D.Lgs. n. 472 del 1997, art. 3, commi 2 e 3, sul presupposto che, per le violazioni sanzionate, non vi sarebbe stata abolitio criminis, ma soltanto attenuazione delle sanzioni.

Il ricorso si rivela fortemente deficitario sul piano dell’autosufficienza, in relazione a tutte e tre le doglienza. Esso non indica, infatti, le violazioni ascritte al contribuente nè le sanzioni irrogate nè le contestazioni al riguardo mosse dal contribuente e ciò non consente nè di valutare (nelle prospettiva di cui a Cass. 5660/10, 15808/08, 2097/07, 18.242/03, 10330/03) la ricorrenza dell’evocata violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 12 (obbligo di assistenza tecnica) nè di decidere, sulla base del solo ricorso e della sola sentenza impugnata, sul terzo motivo. Non riportando alcuna descrizione dell’atto di appello, il ricorso non consente, d’altro canto, di valutare (nell’ottica considerata) l’omessa motivazione dedotta con il secondo motivo.

Tale motivo, prospettando il mancato esame di un motivo di appello, comportava, peraltro, la denunzia di omessa pronunzia ex art. 360 c.p.c., comma 1 n. 4, in relazione all’art. 112 c.p.c., e non di quella di vizio di motivazione, ex art. 360 c.p.c., comma 1 n. 5, (v.

Cass. 28825/08, 12952/07).

Alla stregua delle considerazioni che precedono, s’impone il rigetto del ricorso.

Stante l’assenza d’attività difensiva dell’intimato, non vi è luogo a provvedere sulle spese.

P.Q.M.

la Corte: respinge il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 4 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA