Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14356 del 05/06/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 14356 Anno 2018
Presidente: AMENDOLA ADELAIDE
Relatore: CIRILLO FRANCESCO MARIA

ORDINANZA
sul ricorso 1917-2017 proposto da:
GORGONIA SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,
elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE GIUSEPPE MAZZINI
119, presso lo studio dell’avvocato ORESTE BISAZZA TERRACINI,
che la rappresenta e difende;
– ricorrente contro
ALBONICO ISABELLA, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA
BARBERINI 3, presso lo studio dell’avvocato SABRINA FASULO,
che la rappresenta e difende;
– controricorrente avverso la sentenza n. 5121/2016 della CORTE D’APPELLO di
ROMA, depositata il 31/08/2016;

Data pubblicazione: 05/06/2018

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 17/04/2018 dal Consigliere Dott. FRANCESCO
MARIA CIRILLO.

FATT I DI CAUSA
1. Isabella Albonico ottenne dal Tribunale di Roma una sentenza (del

usufrutto di un immobile da lei stipulato con la Gorgonia s.r.1., con
condanna di quest’ultima al rilascio del bene ed al risarcimento dei
danni per illegittima occupazione, liquidati in lire 202.500.000 fino alla
data di emissione della sentenza; nonché al risarcimento degli eventuali
ulteriori danni da ritardato rilascio dell’immobile stesso fino
all’effettiva riconsegna.
La Albonico rientrò in possesso del bene immobile in data 26 gennaio
2007, a seguito di procedura esecutiva di rilascio. Dopo di che, ella
riuscì ad ottenere il pagamento della suindicata somma di lire
202.500.000 a seguito di espletamento di procedura esecutiva
immobiliare svoltasi davanti al Tribunale di Messina.
In relazione all’ulteriore credito riconosciuto dalla sentenza del
Tribunale di Roma per i danni da ritardata consegna, la Albonico
ottenne dal medesimo Tribunale un decreto ingiuntivo per la somma
di euro 120.072,38, oltre interessi e con le spese di procedura.
La Gorgonia s.r.l. propose opposizione a tale decreto e il Tribunale
l’accolse, compensando le spese di lite.
2. Contro tale sentenza la Albonico ha proposto appello e la Corte
d’appello di Roma, con sentenza del 31 agosto 2016, in riforma della
pronuncia di primo grado, ha rigettato l’opposizione a decreto
ingiuntivo ed ha condannato la società Gorgonia al pagamento delle
spese dei due gradi di giudizio.

Ric. 2017 n. 01917 sez. M3 – ud. 17-04-2018
-2-

23 marzo 2001) di risoluzione del contratto preliminare di cessione di

Ha osservato la Corte territoriale che i principi enunciati dalle Sezioni
Unite di questa Corte con la sentenza 2 luglio 2012, n. 11066, non si
adattavano al caso in esame, perché il diritto cristallizzato nel titolo
esecutivo può essere integrato con un’interpretazione extratestuale
solo quando (

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA