Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14315 del 25/05/2021

Cassazione civile sez. VI, 25/05/2021, (ud. 23/03/2021, dep. 25/05/2021), n.14315

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCIOTTI Lucio – Presidente –

Dott. CATALDI Michele – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LO SARDO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 33108/2019 R.G., proposto da:

l’Agenzia delle Entrate, con sede in Roma, in persona del Direttore

Generale pro tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, con sede in Roma, ove per legge domiciliata;

– ricorrente –

contro

T.N., rappresentata e difesa dall’Avv. Angelo Manzi,

con studio in Gessopalena (CH), ove elettivamente domiciliata

(indirizzo p.e.c.: avv.angelo.pec.giuffre.it), giusta procura in

calce al controricorso di costituzione nel presente procedimento;

– controricorrente –

Avverso la sentenza depositata dalla Commissione Tributaria Regionale

dell’Abruzzo – Sezione Staccata di Pescara il 9 maggio 2019 n.

423/07/2019, notificata il 6 settembre 2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata (mediante collegamento da remoto, ai sensi del D.L. 28

ottobre 2020, n. 137, art. 23, comma 9, convertito nella L. 18

dicembre 2020, n. 176, con le modalità stabilite dal decreto reso

dal Direttore Generale dei Servizi Informativi ed Automatizzati del

Ministero della Giustizia il 2 novembre 2020) del 23 marzo 2021 dal

Dott. Giuseppe Lo Sardo.

 

Fatto

RILEVATO

che:

L’Agenzia delle Entrate ricorre per la cassazione della sentenza depositata dalla Commissione Tributaria Regionale dell’Abruzzo – Sezione Staccata di Pescara il 9 maggio 2019 n. 423/07/2019, notificata il 6 settembre 2019, che, in controversia su impugnazione di avviso di accertamento per IRPEF, IRAP ed IVA relative all’anno 2011 (con i relativi accessori), ha rigettato l’appello proposto dalla medesima nei confronti di T.N. avverso la sentenza depositata dalla Commissione Tributaria Provinciale di Chieti il 29 dicembre 2017 n. 699/03/2017, con condanna alla rifusione delle spese giudiziali. La Commissione Tributaria Regionale ha confermato la decisione di primo grado, sul presupposto che il contraddittorio preventivo con la contribuente fosse necessario. T.N. si costituisce con controricorso. Ritenuta la sussistenza delle condizioni per definire il ricorso con il procedimento ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., la proposta redatta dal relatore designato è stata notificata ai difensori delle parti con il decreto di fissazione dell’adunanza della Corte. In vista dell’odierna adunanza, la controricorrente ha depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Con unico motivo, si denuncia violazione e falsa applicazione della L. 27 luglio 2000, n. 212, art. 12, comma 7, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, deducendo che il giudice di appello aveva erroneamente ritenuto la necessità del contraddittorio preventivo con la contribuente ai fini della validità dell’avviso di accertamento.

Ritenuto che:

1. Il motivo è infondato.

1.1 Secondo la giurisprudenza di questa Corte, in tema di verifiche fiscali, la regola in base alla quale l’inosservanza del termine dilatorio di sessanta giorni per l’emanazione dell’avviso di accertamento, decorrente dal rilascio al contribuente della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni di verifica, determina di per sè, salvo che ricorrano specifiche ragioni di urgenza, l’illegittimità dell’atto impositivo emesso ante tempus, si applica anche nel caso di accessi brevi finalizzati all’acquisizione di documentazione, sia perchè la disposizione di cui alla L. 27 luglio 2000, n. 212, art. 12, comma 7, non prevede alcuna distinzione in ordine alla durata dell’accesso, in esito al quale comunque deve essere redatto un verbale di chiusura delle operazioni, sia perchè, anche in caso di accesso breve, si verifica l’intromissione autoritativa dell’amministrazione nei luoghi di pertinenza del contribuente, che deve essere controbilanciata dalle garanzie di cui al cit. art. 12 (tra le altre: Cass., Sez. 6″-5, 17 gennaio 2017, n. 1007; Cass., Sez. 6″-5, 10 maggio 2017, n. 11471; Cass., Sez. 5″, 21 novembre 2018, n. 30026).

1.2 Nella specie, a ben vedere, come si desume anche dall’accertamento fattone dai giudici di merito, l’amministrazione finanziaria aveva effettuato il 20 novembre 2014 un “accesso breve” presso il locale ove la contribuente esercitava l’attività commerciale sotto la ditta “Caffetteria T.N.” per un controllo sull’esatto adempimento degli obblighi strumentali e sulla corretta compilazione del modello di studio di settore. Tuttavia, il processo verbale di constatazione del 29 luglio 2016 – rispetto al quale i giudici di merito hanno ravvisato la violazione del contraddittorio endoprocedimentale – era stato redatto all’esito della richiesta alla contribuente di fornire chiarimenti e documentazione presso gli uffici dell’amministrazione finanziaria, la quale aveva proceduto alla notifica dell’avviso di accertamento I’l settembre 2016 all’esito della ricostruzione induttiva del reddito sulla base dei dati raccolti.

Dunque, è evidente che l’unitarietà complessiva dell’accertamento, al di là dell’intervallo temporale tra le varie fasi in cui l’azione dell’amministrazione finanziaria si è dispiegata, comporta che le postume acquisizioni di documenti siano funzionalmente conseguenziali all’accesso breve presso il locale della contribuente, essendo finalizzate alla verifica ed alla contestazione delle irregolarità riscontrate in tale sede. Per cui, l’attività successiva all’accesso breve si delinea come una prosecuzione del medesimo accertamento, con la conseguenza che l’obbligo di osservanza del termine dilatorio per la comunicazione dell’atto impositivo alla contribuente deve essere riferito al verbale di contraddittorio e restituzione dei documenti del 29 luglio 2016, con il quale l’amministrazione finanziaria ha concluso le operazioni di verifica.

1.3 Cosicchè, nel caso in esame, non può venire in rilievo l’indirizzo di questa Corte, che attiene a diversa fattispecie, secondo cui il termine dilatorio di cui alla L. 27 luglio 2000, n. 212, art. 12, comma 7, non deve essere rispettato nell’ipotesi in cui, dopo la chiusura del processo verbale,

l’ufficio proceda autonomamente ad ulteriori verifiche sulla base di una istruttoria interna, quale aggiuntiva ed autonoma attività rispetto all’accesso presso i locali del contribuente medesimo (Cass., Sez. 6-5, 30 ottobre 2018, n. 27732).

2. Pertanto, stante la infondatezza del motivo dedotto, il ricorso deve essere rigettato.

3. Le spese giudiziali seguono la soccombenza e sono liquidate nella misura fissata in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente alla rifusione delle spese giudiziali in favore della controricorrente, che liquida nella misura di Euro 200,00 per esborsi ed Euro 2.300,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15% dei compensi ed agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale effettuata da remoto, il 23 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 25 maggio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA