Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 14224 del 27/06/2011

Cassazione civile sez. II, 27/06/2011, (ud. 16/12/2010, dep. 27/06/2011), n.14224

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 21997/2009 proposto da:

C.M.G. (OMISSIS), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA COSTANTINO CORVISIERI 46, presso lo studio

dell’avvocato CAVALIERE Domenico, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato CORICA CELESTINO, giusta procura a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

C.C. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA CASSIODORO 19, presso lo studio dell’avvocato JANARI LUIGI,

rappresentata e difesa dall’avvocato TUCCILLO Mario, giusta procura

speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 12/2009 della CORTE D’APPELLO di TORINO del

21.11.08, depositata l’8/01/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

16/12/2010 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. ROSARIO

GIOVANNI RUSSO.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che nella relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., si legge quanto segue:

“La sentenza impugnata respinge l’appello proposto dall’attuale ricorrente avverso la sentenza di primo grado che aveva respinto la domanda del medesimo di nullità di atti di donazione.

I tre motivi di ricorso per cassazione, dedotti ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, non contengono la formulazione del quesito di cui all’art. 366 bis c.p.c., comma 1.

Il ricorso si rivela dunque inammissibile…”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che detta relazione è stata ritualmente comunicata e notificata ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., comma 2;

che il solo avvocato di parte ricorrente ha presentato memoria;

che il Collegio condivide le conclusioni di cui alla predetta relazione, non superate dalle osservazioni contenute nella memoria di parte ricorrente;

che, infatti, secondo il ricorrente i motivi di ricorso contengono “in apice il principio violato secondo il ricorrente dalla Corte d’Appello di Torino (…) e nello svolgimento la diversa regola di diritto che ad avviso del ricorrente si sarebbe dovuta applicare nel caso di specie”;

che, però, “in apice” ciascun motivo del ricorso in esame reca non già l’indicazione del “principio violato” dalla Corte d’appello, ma semplicemente la statuizione censurata (che è cosa ben diversa);

inoltre l’indicazione della “diversa regola di diritto” da applicare (nella quale si sostanzia, in definitiva, il quesito ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c., comma 1) non può essere, genericamente, affidata allo svolgimento del motivo di ricorso, ma deve essere specificamente sintetizzata ed enunciata in un apposito passaggio del motivo stesso;

che le spese processuali, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, liquidate in Euro 3.700,00 di cui Euro 3.500,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 16 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 27 giugno 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA